accedi   |   crea nuovo account

La nascita dei partigiani

È la disfatta, il tempo non
chiede altro, il tempo è terminato,
il tempo urla che non c'è tempo!
Gli italiani imbracciano le armi, si cercano,
salgono in montagna in un batter d'ore!
Si diceva: " Era la chiamata di una voce
diffusa come l'aria, era come le gemme
degli alberi che spuntano lo stesso giorno".
I Resistenti fuoriescono dalle fabbriche,
dai campi, dalle università, dalle prigioni
come vermi dai pestati ciglioni.

Nascono i gruppi dal nordico Piemonte
al centro Abruzzo, si ode rullare il fulcro
dell'antifascismo- quello militante-
e i giovani ribelli lo agognano come
i lucherini che bramano il cibo su
rosse conifere dell'Alta Italia!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 03/02/2010 14:08
    Molto bella, scritta molto bene!
  • Amorina Rojo il 03/02/2010 11:11
    sorprendente... giovane, meridionale quindi per due motivi distante dal cuore della lotta partigiana... anche il mì nonno me ne parla... tu l'hai resa viva con immagini nitide... bello il paragone dei lucherini... uccellini famelici... bacino
  • Anonimo il 03/02/2010 09:00
    Da non dimenticare... grazie per questa bella poesia.
  • karen tognini il 03/02/2010 08:45


    ben scritta... piaciuta!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0