PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una gelida mattina

Fermo, immobile.
La macchina parcheggiata sul ciglio della strada.
Sono in attesa.
Non so di chi, non so di cosa.
Attendo.
Il mio sguardo è altrove,
sicuramente non dove sono i miei pensieri.
In lontananza un giovane podista,
che gelida mattina per correre,
s'avvicina.
Veloce nella corsa,
calamita al mio sguardo i miei pensieri.
Opposto a lui, un piccolo cane bianco,
bianco come la neve che ci circonda,
corre.
Un cane, un uomo,
consapevoli entrambi d'esser uomo e cane
s'incrociano allontanandosi.
Io fermo, immobile sul ciglio della strada
posso ripartire.

 

0
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 20/06/2012 23:12
    Come un'istantanea di un momento del vivere. Sempre più di corsa, poi la necessità anche per un attimo di fermarsi e riflettere, ritrovare energia e entusiasmo da due esseri senzienti, un Uomo e un cane, che corrono, per ripartire. L'ho sentita così. Piaciuta parecchio.

9 commenti:

  • loretta margherita citarei il 04/02/2010 20:09
    bel quadretto mattutino, piaciuta molto, un bacio amico caro
  • Anonimo il 04/02/2010 17:52
    Un quadro su una quotidianità che sfugge!
  • cesare righi il 04/02/2010 17:50
    si, volutamente: spezzato come i miei pensieri.
  • Anonimo il 04/02/2010 17:28
    nella prima parte il ritmo è spezzato troppo di frequente da tutte quelle pause, andando avanti scorre un po' meglio
  • Anonimo il 04/02/2010 14:50
    bella questa poesia. una scheggia di quotidiana attesa.
  • Amorina Rojo il 04/02/2010 12:55
    bel quadretto esistenziale... imopressionismo poetico... mi garba... bacino
  • Vincenzo Capitanucci il 04/02/2010 12:21
    Sulle ciglia dei miei occhi... consapevolezza...

    Bravo Cesare... una pausa... il podista forse era in una tuta nera... yin e yang... ritrovato l'equilibrio di dove andavo son ripartito
  • laura cuppone il 04/02/2010 12:09
    una sospensione
    necessaria
    ogni tanto
    una consapevolezza
    istantanea
    e poi...

    piaciuta!
    Laura
  • Anonimo il 04/02/2010 11:53
    Sentire un istante in tutte le sue sfacettature, per un attimo non hai pensato a te e ai tuoi pensieri personali...
    bella Cesare...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0