PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quando avevo 17 anni

siamo solo carcasse vermiglie,
inconsapevoli,
in cerca di un mondo
fausto e malato
dove proliferare.
persi in noi stessi,
osserviamo
dubbiosi
le nostre ombre
riflesse
su un muro verde muffa.
cosa cazzo ci spinge
a cercare un appiglio
in questo infinito formicaio?
cosa significa
quella sensazione...
carnale?

un miscuglio
di sollievo,
apatia,
depressione,
rabbia...
voglia di rivoluzione!
è una sodoma mentale,
un luogo spirituale
dove ci rifugiamo,
noi,
esseri riluttanti
senza un cuore,
senza una mente,
senza un'anima.

eppure
questa emozione,
è diventata una droga...

senza scampo,
noi,
drogati
da questa insulsa rabbia
impulsiva,
animale,
malsana,
camminiamo lentamente
lungo una strada secondaria,
persi
nei nostri cervelli,
in cerca di risposte,
che non usciranno da nessuna bocca...
se non dalle nostre.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: