PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Desiderio di te

Breve è la distanza,
forte è il desiderio.
Esserti accanto e non poter sentire
il calore di un tuo abbraccio
fortemente voluto
nel profondo dei miei sensi.
Guardarti negli occhi
e perdersi nell'infinità
della loro lucentezza,
credere vanamente
di poter intravedere negli stessi
un futuro di me e di te.
Ogni giorno, ogni ora
ogni istante della mia vita
trascorso piacevolmente
pensandoti.
Candide emozioni
risvegliano la mia anima
dagli amari ricordi
di delusioni passate.
Amarti e non saper
esprimerti il mio amore.
Desiderarti e non poter
svelarti il mio desiderio.
Soffrire e non riuscire
a spiegarti
che la freccia conficcata
nel mio cuore
sei proprio tu...

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Assunta Baldi il 26/01/2012 15:04
    Brava, mi ritrovo in ogni parola, hai espresso lo stato d'amore
    e tutta l'incertezza e l'appagamento che l'essere innamorati suscita.

5 commenti:

  • Sergio Fravolini il 27/03/2010 17:44
    Un adistanza breve lunga quanto un amore.

    Sergio
  • Sergio Fravolini il 26/02/2010 19:43
    L'opera offre una vasta gamma di sogni e libera candide emozioni di un'anima innamorata. Brava.

    Sergio
  • lucia castaldo il 07/02/2010 23:30
    mi dispiace non poterti accontentare Fabio. Quando scrivo poesie non penso a determinate condizioni proprio perchè non mi definisco una poetessa.. ogni tanto nasce in me la voglia di scrivere...
  • fabio martini il 07/02/2010 20:49
    sinceramente? probabilmente la poesia che ho letto e' piena di potenzialita' ma troppo intimismo e troppi affari propri e' caratteristica di troppe poesie che leggo... credo che la poesia dovrebbe essere anche trasmissione dati, molti di voi scrivono per liberarsi dai mostri che hanno dentro e usano la poesia al contrario come un vangata verso l'esterno... senza pensare che all'esterno ci siamo noi... cioe' gli altri. peccato vero?
  • Roberta T. il 07/02/2010 19:54
    ci sono dentro parola per parola
    sto vivendo una situazione simile e ti capisco completamente
    un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0