accedi   |   crea nuovo account

Lacrime amare

Scivolano e solcano il viso
lasciando striature rosse rubino.
Creano rami e lasciano
un delta tra il giovane scuardo
di quel poeta assassino di se sresso.
Il narcisico lago dove giace
è quell'unica cosa che lo rende
ancora mortale. Il suo corpo è
solamente scaldato da
quel carmneo liquido di velluto,
quello che ha voluto che lo abbandonasse.
I suoi occhi guardano uno specchio
scende una lacrima dal vitreo occhio
il suo cuore è pentito.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/08/2013 11:47
    Molto apprezzata... complimenti...

1 commenti:

  • Andrea il 14/09/2012 08:39
    buona poesia, sicuramente, ma manca ancora qualcosa... a parer mio nella prima parte i versi sono forse troppo lunghi, mentre nel finale ti sei decisamente ripreso(gli ultimi 3 versi sono netti, concisi, e di fortissimo impatto emozionale :bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0