PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Canto di un pastore errante dell'Africa

La mia ultima capra ha smesso di belare
al tramonto sarà ossa calcinate
nel deserto ossario
che non ha fine
Allahu akbar min kulli shay
Non ho mai veduto
la grande acqua
non ho mai respirato
il suo respiro.
Allah è più grande di ogni cosa.
Queste mie gambe
con le giunture incerte
implacabili avanzano
non posso fermarle, non più
Allahu akbar min kulli shay
Senza bisogno di voltarmi
so che i miei fratelli
seguono
non hanno fine
Allah è più grande di ogni cosa
Ho sognato la grande acqua
non ci sono più barche
ma una distesa sconfinata
di corpi che galleggiano
Allahu akbar min kulli shay
Su di essi cammineremo
sui loro ventri gonfi
sulle loro schiene scarnite
dalle onde malvagie
Allah è più grande di ogni cosa
Saremo tanti troppi
a bussare alla porta
che rimarrà chiusa
lo sappiamo
Allahu akbar min kulli shay
Intenti al pasto
non sentirete bussare
Sole a la meuniere
Orata al cartoccio
Allah è più grande di ogni cosa
Non sentirete neppure
in bocca il gusto strano
di qualcosa che ci appartiene
la nostra carne
Allahu akbar min kulli shay

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Salvatore Mercogliano il 11/02/2010 13:44
    Poesia scritta perfettamente e sinceramente posso dire che scrivere una poesia che si basi su un argomento simile il quale gian paolo ha provato a fare riuscendoci in ottimo modo, è un lavoro difficilissimo. Una cosa è certa: scrivere sempre sotto ispirazione.
  • Vincenzo Capitanucci il 11/02/2010 02:54
    ... nel deserto ossario
    che non ha fine...

    ... Allahu akbar min kulli shay...

    ... Non sentirete neppure
    in bocca il gusto strano
    di qualcosa che ci appartiene...

    Bellissima Gian Paolo...
  • gian paolo toschi il 11/02/2010 00:16
    Grazie per il commento. La traduzione è quella invocazione ripetuta più volte anche in italiano, ovvero: Allah è più grande di ogni cosa. Un saluto affettuoso. Buona notte.
  • loretta margherita citarei il 10/02/2010 21:24
    molto bella, intensa, gradirei però sapere il significato tradotto dell'ultimo verso, più volte ripetuto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0