accedi   |   crea nuovo account

Lusingata da un lettore

Mio caro lettore senza scrupoli,
dedico a te questo mio scritto.

Giudichi cinicamente
la mia creazione
peccando di umiltà e comprensione.

La tua presunzione di certo non ha danneggiato la mia convinzione,

stupidità
se non ci si salva il prima possibile
la si porta a vagare per molti anni e forse per l'eternità.

Bevo un bicchiere di vino rosso
brindando ai miei strani effluvi d'alcool
visibili nella mia pazzia artistica
e brindo a te, alle tue poesie, alla tua tristezza.

Ti ringrazio mio caro leopardi senza cuore
hai messo in moto la mia creazione.

Tu concentrati sui tuoi versi, sulle tue belle parole sfogliate accuratamente dal dizionario,
la tua solita tarantella tutta profumata di italiano
scalpiterà imbizzarrita
in un'altra bella cornice ispanica.

Un caloroso saluto.
Afryka

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Donato Delfin8 il 11/02/2010 00:14
    "Il cattivo critico critica il poeta, non la poesia." Ezra Pound
    Concordo con Daniela per il compito dello staff. Mi unisco al coro: libertà di scrivere e criticare senza offendere l'autore.
    Perdonami... una buona riflessione-sfogo che andava postata però come Lettera tra i racconti brevi.
  • Anonimo il 10/02/2010 21:37
    Provo piacere nel postare, quando ho cominciato a scrivere non ero brava nella stesura, non la sono nemmeno adesso ma sono migliorata proprio leggendo anche le critiche che sono costruttive... quando diventano offensive nei confronti dell'autore si può " segnalare un abuso" e lasciare allo staff questo ingrato compito!!
    E da due anni posto su PR tranquillamente, serena... tu scrivi per te stessa e accetta ogni commento, tranne le offese!!
    Ciao e buona serata!!
  • loretta margherita citarei il 10/02/2010 21:05
    che dirti, libertà di scrivere, libertà di criticare, in questo nostro bel paese, dove mi sembra che la libertà viene lesa, evviva chi scrive ed evviva chi critica, bello sfogo comunque.
  • Auro Lezzi il 10/02/2010 20:39
    Credo di sapere a cosa ed a chi ti riferisci.. Certo questo è un tuo legittimo sfogo con tentativo poetico... Sulla critica non metto lingua la ritengo una soggettiva libertà... Chi scrive deve avere sempre il coraggio di accettarla.. Certo a volte non è la critica ad infastidire ma il modo in cui viene esternata... A volte la critica cade nell'offesa... Spesso perpetrata da soggetti presuntuosi ed arroganti... Io quella poesia oggetto della critica non l'avevo letta.. Sono andata a leggermela ed a commentarla spinto proprio da questi eventi... Per il resto sai che ti dico.. FUTTATENNE.. Questo sfogo e quella critica per quanto mi riguarda sono servite ad avere me lettore... Ciauuu
  • Anonimo il 10/02/2010 19:20
    Edmund Wilson, scrittore, giornalista e critico letterario riteneva gli scritti di Conan Doyle, soporiferi, e ha definito Il signore degli anelli di Tolkien, spazzatura. Eppure sono libri amati e letti in tutto il mondo, anche adesso.
    Le critiche, se non offendono o insultano, non dovrebbero mai essere considerate negative, e non dovrebbero trasformarsi in scontri personali.
    In ogni caso.. bello sfogo, letto con piacere
  • afryka *°*° il 10/02/2010 19:03
    à votre santé!
  • Anonimo il 10/02/2010 18:51
    La critica in genere è troppo soggettiva per essere presa in considerazione, bella o brutta che sia. Io non credo nell'oggettività dell'essere umano. Perciò quello che scriviamo, verrà immancabilmente trasformato da ogni "mente" che leggendolo lo "capirà" solo tramite la "sua" visione, le "sue" esperienze. Detto questo, chi critica dovrebbe farlo con attenzione, e consapevolezza dei "propri" limiti e non di quelli di chi ha scritto... E chi come a te, a me, e a molti, lascia commenti saccenti, privi di qualsiasi "verità", non può altro che essere uno di quei tanti "sfigati" che per non sentirsi delle merde, ricamano sugli errori altrui... attenzione però, perchè sono errori "inventati" dalla loro mente, che di sicuro non comprende "l'Arte". Perciò Afryka, beviamoci un bicchiere di vino, e ridiamoci sopra...
  • Anonimo il 10/02/2010 18:38
    Non so a cosa ti riferisci, ma hai fatto un quadro di qualcuno abbastanza comune nella realtà!
  • Anonimo il 10/02/2010 18:26
    Hai levato la parola di molti... la critica, si dice è costruttiva ma c'è modo e modo... Ci sono persone che badano più alla forma, ai vocaboli più che al contenuto che spesso non si comprende, bellissime parole ma che non trasmettono emozioni...
  • Anonimo il 10/02/2010 18:18
    Questa è più una mail che una poesia, potevi anche spedirla in privato. Apprezziamo la buona volontà.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0