accedi   |   crea nuovo account

Favola

Scendevo le strade calde
di un'estate che risuonava
la tremenda pazzia dell'inverno
e sopra un ponte di ferro
vidi alberi che parlavano
e cantavano storie ai campi.
Gli amici non c'erano,
non trovavano senso
in tutto quello che io raccontavo.
Ero alieno su un altro pianeta.
Ma qualcuno sentì le mie parole,
e si unì a me in una fusione
dolce fusione agrodolce
piena di schizzi di gioia
e vitalismo.
La calma giocava con noi
a fasi alterne
e ci prendeva in giro.
Anni magnifici,
anni incredibili e spettacolari
anni incisi nel cuore,
ma come ogni fuoco
la fiamma si è spenta
per colpa nostra,
mia, tua, loro
per questo porco mondo schifoso
per colpa di nessuno.
Ricordi e piacere
incastonati nella roccia
e la spada non avrà eroe
perché solo noi due
siamo stati gli eroi
di questa favola.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Alessio magnaguagno il 17/11/2013 15:36
    sei ancora troppo innamorato per distaccarti e guardare il tutto con oggettività, ma sei coraggioso, analizza, analizza, ciao!
  • Hila Moon il 11/04/2010 09:56
    una favola si... che mi ha riportato nostalgicamente alle mie...
  • Anonimo il 26/02/2010 12:06
    Questa poesia è molto bella... coinvolgente. Complimenti
  • Anonimo il 26/02/2010 11:55
    Ricordi, nostalgia e dolore per ciò che non esiste... più.
    Ben scritta, scorrevole.
    Bella complimenti Aleks.
    Ciao, B. Roses.
  • laura cuppone il 11/02/2010 19:21
    siamo gli eroi e la loro spada...

    bellissima... nostalgica... sentita.

    ciao aleks
    Laura
  • B. S. il 11/02/2010 18:27
    A volte la vita ci sorprende... intanto sorridi...
    anche questa mi piace.
    Scrivi ancora bene... fidati.
  • loretta margherita citarei il 11/02/2010 16:47
    molto bella, piaciuta, non perdere nè la fiducia nè la speranza
  • Anonimo il 11/02/2010 16:15
    Concordo con Gian Paolo... succede di perdere gli affetti, è la vita giusta o sbagliata che sia... ma abbiamo una vita per incontrare di nuovo un'anima affine, che parli la nostra stessa lingua, viviamola al meglio per noi stessi, cominciando ad amarci impariamo ad amare gli altri e a dare qualche cosa di buono...
    bellissima, complimenti!!!
  • gian paolo toschi il 11/02/2010 15:51
    Musicale e coinvolgente, con immagini davvero notevoli, una su tutte: la spada nella roccia. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0