username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Emozione

Ho visto la mia città
dalla finestra più stretta
del più alto campanile,
con gli occhi curiosi
di uno straniero,
salito a scattare
qualche fotografia,
con la più potente macchina.
Ho sentito l'istinto
di abbracciarla tutta,
di stringere le sue case
al mio petto,
di gridare il mio amore per lei
al suo cielo,
ai suoi azzurri abitanti.
Ho ascoltato i rumori
che giungevano smorzati
al mio aereo appostamento,
ho tremato insieme a lei,
sentendo la sua vita
pulsare in me,
elevare a potenze
i battiti della mia.
Ho cercato
di delineare i suoi confini,
circoscrivere
le ultime abitazioni visibili
entro il suo irregolare perimetro,
linea del mio sangue,
beatitudine del mio cuore.
L'ho vista crescere
e diventare invisibile,
lei parte di me,
io parte di lei,
io anonimo abitante,
lei deliziosa amante,
sfiorata da migliaia
di minuscole tenerezze.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Michele Prenna il 21/03/2012 20:18
    Una dichiarazione d'amore alla città resa con versi piani senza retorica da un poeta vero.

10 commenti:

  • laura marchetti il 15/02/2010 11:41
    .. senza parole, senza fiato... hai già detto tutto... meravigliosa!
  • Vincenzo Capitanucci il 12/02/2010 08:38
    Meravigliosa Salvatore... un abbraccio totale...
  • loretta margherita citarei il 11/02/2010 21:40
    come sempre bravissimo, bella descrizione.
  • francesca cuccia il 11/02/2010 21:37
    Che meraviglia questa descrizione della tua città, complimenti amico.
  • B. S. il 11/02/2010 20:54
    Ma che bella poesia!
    sembra di vederla la tua amata città...
  • Anonimo il 11/02/2010 20:31
    Dedica perfetta alla tua città, vista come se la vedessi per la prima volta, amata da un anonimo abitante che la vive sicuramente anche a terra oltre ad amarla dall'alto!!
    Bellissima Salvatore...
  • Maurizio Cortese il 11/02/2010 20:12
    È ancora possibile osservare le cose con lo sguardo puro e limpido di un bambino? Questa poesia ne è un esempio perfetto, chiuso da una gemma: le minuscole tenerezze che insieme costituiscono il cuore pulsante di una città.
  • karen tognini il 11/02/2010 19:21
    Bella.. bella... bella!!!!!...

    ciao.. Salva
    un abbraccio
    karen
  • Anonimo il 11/02/2010 19:15
    Anche le tue poesie sono sempre belle, significative... mi piace leggerti. Bravo
  • Anonimo il 11/02/2010 18:56
    Molto significativa, traspare un sentimento di profondo attaccamento alle origini. Emozioni intense, metafore ed immagini sublimi. Molto apprezzata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0