PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La tigre ch'era in te

Da quando più non fuggi nel delirante inverso
urlando con ferocia dell'unica tua ira
ti bacio mani aperte su rigide lenzuola
di amara e dura fibra.

Tra le mie braccia ansiose ti lasci totalmente
e la tigre ch'era in te predestinata a vita
ritorna stranamente gattino spettinato
degli anni tuoi lontani soltanto i primi cinque.

Non ti riconosco sorella amata sempre
così come ti vedo in questo letto spento.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0