username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Morte alle quattro di notte

Un sorpasso azzardato
forse è stata solo questa
la causa di tutto
quel che accadde alle quattro di notte
un incontro d'amore
tra due auto in corsa
una blu e una rossa
due morti sul colpo
quarantacinque anni in due
forse
si sarebbe potuto evitare il disastro
forse
se uno dei guidatori
non fosse stato imprudente...
Ma sono solo ipotesi
nessuno ha visto
nessuno sa davvero come è andata
su quella curva fuori città
nessuno riuscirà a tirare fuori
una sola parola
da quei due corpi freddi
allineati all'obitorio
come fratelli di sangue
morti insieme
in una afosa notte di luglio
per un crash di troppo
per una stupida sovrapposizione
di velocità opposte
e forse il loro destino
non c'entrava per niente
magari s'era solo distratto un attimo
un improvviso colpo di sonno
alle quattro e un quarto
di un venticinque luglio
altrimenti banale

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Antonietta Mennitti il 14/02/2010 12:52
    Commossa... Bravo Salvatore. Molto significativa e vera purtroppo!
  • Aedo il 12/02/2010 23:50
    Quante tragedie come queste si verificano... E allora ci chiediamo: si possono evitare? Forse sì, ma intanto siamo impotenti di fronte a simili avvenimenti. La tua significativa poesia, Salvatore, fa riflettere!
    Ignazio
  • karen tognini il 12/02/2010 19:48
    Uno strazio... le morti.. così.. assurde..!!!
    un abbraccio Salva...
    karen
  • francesca cuccia il 12/02/2010 18:59
    Non dico nulla hai già detto tutto amico mia, belle parole, davvero bravo
  • loretta margherita citarei il 12/02/2010 17:26
    mi piace il tuo stile, piaciuta molto.
  • gian paolo toschi il 12/02/2010 16:47
    Forse è proprio la calma quasi piatta della scrittura da cronista di giornale che fa rabbrividire e riflettere sul folle spreco di giovani vite. Grazie per avercelo ricordato.
  • Anonimo il 12/02/2010 16:41
    No comment... solo una lunga riflessione. Grazie per averla proposta. Bravo
  • Anonimo il 12/02/2010 15:44
    Argomento che da da rifflettere. Apprezzo molto chi esorta a pensare. La stesura, forse per la voglia infinita di scrivere (come ti capisco)... poteva essere migliore. Un abbraccio. Le cinque stelle le accendo anche io, concordando con Salvatore, ma magari ripuliscila un po'... se ti va.
  • laura marchetti il 12/02/2010 14:22
    da brivido... mi piacerebbe che la leggessero tutti i ragazzi che pensano di poter sfidare la vita senza rendersi conto che siamo appesi ad un filo di lana e dalla nostra dipendono anche quelle degli altri e di chi resta... veramente bravo
  • Anonimo il 12/02/2010 13:35
    Nessuno può dirlo. Comunque cinque stelline e una luna per il contenuto della tua poesia!
  • una primula il 12/02/2010 13:28
    Non ci sono risposte a queste domande,
    questa tua bellissima poesia
    raffredda il cuore
    perchè ci sentiamo impotenti
    di fronte
    a queste tragedie
    Bravo bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0