username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un cieco

Una luce cadente
sconfisse la nebbia
la trapassò lieve
e si posò dietro a un tetto

Qualcuno aprì la finestra
e vide il giorno nella notte
mentre poco lontano intorno
l'oscurità e il gelo
tenevano le ore
in stallo

Una creatura
attraversò i passi
superò le mura
si sedette sfacciata alla tavola imbandita
e impollinò di sogni
i pensieri distratti

C'erano bambini eterni
recitanti attori
saltimbanchi
arditi forzuti
c'erano equilibristi sottili
donne cannone
nasi rossi e luccichii smaglianti
ci furono gli applausi
e i favori inebrianti
mentre qualcuno annusava
il vento
tra rami bagnati
da nuvole piangenti

La strada si riempì di fuochi
festanti
e la creatura chiese
comprensione
ma nessuno ascoltò nè vide
nessuno riconobbe
e così quella
s'allontanò da sola
col capo chino
sul petto ansimante

Qualcuno guardò
spegnersi quel lampo
richiuse i vetri
malinconico e colmo
e carezzando il capo
d'un fedele animale
tastò il suo giaciglio
e tornò
a sognare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • denny red. il 01/04/2010 04:06
    FENOMENALE!! BRAVISSIMA!! LAURA
  • augusto villa il 02/03/2010 10:12
    "... mentre qualcuno annusava
    il vento
    tra rami bagnati
    da nuvole piangenti..."
    Bravissima Laura... Davvero una bella poesia...+ un cm.

  • laura cuppone il 15/02/2010 13:28
    ringrazio tutti sentitamente..
    ad occhi chiusi
    naturalmente...

    Laura
  • Dolce Sorriso il 14/02/2010 22:05
    quando ho bisogno d'emozioni è qui che torno
    bellissima poesia
    smack
  • Fernando Biondi il 14/02/2010 19:25
    meravigliosa laura, commuovi e fai sognare, sei bravissima, un salutone
  • Vincenzo Capitanucci il 13/02/2010 18:07
    Splendida Laura... richiuse i petali della sua corolla... e tornò a sognare...
  • loretta margherita citarei il 13/02/2010 17:02
    bella laura, nel carrozzone, come nella canzone di renato zero, piaciutissima
  • Cinzia Gargiulo il 13/02/2010 16:27
    Si dice "non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere" ed è proprio vero!
    Poesia intensa e ricca di immagini suggestive...
    Sto facendo il possibile per riuscire ad incontrarci...
    Bacioni...
  • Anonimo il 13/02/2010 15:03
    Una commovente poesia che merita il massimo dei voti.
  • francesca cuccia il 13/02/2010 14:10
    Belle immagini, parole che toccano il cuore, molto bella brava.
  • Anonimo il 13/02/2010 14:02
    Si, è l'atmosfera che attrae, riempie le strade, dissipa le nebbie e credo faccia crescere gli alberi.

    Mi piace, ciao cara.
  • giusi boccuni il 13/02/2010 13:22
    sempre cariche le tue atmosfere, di emozioni e metafore significative... nel circo della vita tante volte succede di passare inosservati e che, così come in un lampo, slanci affettuosi si spengano, portando ritiro e malinconia... ma c'è sempre il rifugio di una carezza fedele e del sogno di poter cambiare le cose, bravissima sempre, Laura
  • Anonimo il 13/02/2010 12:22
    Una poesia con immagini belle e intense. Occorre comunqe riconoscere la propria cecità e il proprio bisogno di una luce diversa, altrimenti rimane tutto come sempre!
  • Salvatore Ferranti il 13/02/2010 11:34
    cinque stelline per una poesia che mi ha toccato il cuore. sei sempre bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0