PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Urlo di primavera

Protetto dalle intrepida coperte
urlo come un trepido boato
nella mia-non armoniosa-mente,
strillo più assillante del molesto
rumore, più eloquente dell'ingegno
maieutico che investiga per strada...

via sensata da inodorosi odori
di lercio e turpe letame,
viottoli sani salvano salutanti
i passanti, plagiati dall'inconsueto
pane dell'idiota capitale.
E io dispero la pressante coscienza!

Perchè urlo, io tonto?
Perchè strillo, io inconscio?
Regna il mesto rimorso
in questa voluttuosa sera
di candida primavera
che scompare nel suo improvviso
fiotto di gioco!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 15/02/2010 07:05
    Nell'armonia crescente nella mente... la gigantesca onda d'urlo... diventerà... un primaverile silenzioso mormorio...

    Bellissima Salvatore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0