PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La forza dell'Amore

Quanta vot'aggio penzato
e te dicere Carnala,
tu pe mmè si comm'e'll'aria,
senza e tè io nun respiro,
pò, appenna t'avvicini,
o core me se squaglia,
e penzieri s'atturcigliano
e parole s'annasconneno;
addevento nu criaturo
ca se perde dint'o scuro.

Tu ca ssì na Rosa e maggio,
si o prufumo e chesta vita,
m'accarizze, me dai l'aggio
e truvà luce e curaggio.
Accussì, senza paura,
te cunfesso a core a core
ca si ttù a Carnala mia,
tu si a vita, si ll'Ammore.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Sara Turco il 29/12/2010 19:55
    veramente bravo... complimenti... molto bella e sentita =)
  • Anonimo il 19/02/2010 00:20
    Io potrei dire che sono stanca di gente che specula sulla musicalità e la popolarità del dialetto napoletano, se dovessi commentare con la superficialità con la quale lei ha commentato una mia poesia ispirata a Pablo Neruda, che è piaciuta a gente che sa scrivere e non a dei "brocchi". Tuttavia, napoletano a parte(non se ne può più ritengo che lei scriva bene. Saluti Sabrina.
  • Anonimo il 15/02/2010 22:45
    Bella, musicale, penso merito anche del tuo dialetto che si presta molto.
  • loretta margherita citarei il 15/02/2010 16:24
    si come salvatore di giacomo, a rosa e maggio piaciutissima
  • Anonimo il 15/02/2010 14:18
    Bisognerebbe farla musicare!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0