username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nato sotto il segno dello Scorpione

Non toccarmi potrei pungere,
almeno così dicono e
non perdono.
M' innamoro,
al primo sguardo sei
perduta, così si narra ancora.
Condottiero e indistruttibile,
nella lotta so soffrire
se sei amico,
non temere, è
difficile ch'io tradisca
La mia arma più terribile è
l'aculeo velenoso. Ma pure
in cielo, solitario, puoi
vedere il mio
colore, rosso e
fuoco portentoso brilla
Sacro e il mio nome se
desideri sapere lo puoi urlare
io sono il sacro A N T A R E S

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • teresa... il 23/07/2011 18:45
    bella molto bella cesare!!
  • Vincenzo Capitanucci il 16/02/2010 10:46
    Sacra mi è Antares... il cuore dello Scorpione... l'Antagonista di Ares...
    è una stella doppia... accompagnata da un piccola stella blu... pensa Cesare che bel colore darebbero.. splendendo insieme... un profondo Viola...
    Bravo Cesa re... Santa Re...
  • Anonimo il 15/02/2010 20:54
    Bella poesia, Cesare.
  • B. S. il 15/02/2010 17:42
    Antares, stella regale...
    Si dice che i nati scorpione abbiamo fascino e profondità... sarà per questo che ami i segreti del mare Cesare...
    Bellissima poesia.
  • giusi boccuni il 15/02/2010 16:26
    eh si... noi scorpioni ci si riconosce, nel bene o nel male...
  • loretta margherita citarei il 15/02/2010 16:06
    siamo segni d'acqua, pesci sono pesci, piaciuta cesare
  • Anonimo il 15/02/2010 15:57
    Adesso è proprio avvisata!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0