username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lungo l'attesa

Se è davvero inutile la mia attesa
cos'è che ancora aspetto?
Cos'è che mi lega a questo luogo
inchiodando il mio respiro
e richiudendo i miei passi
in un eterno tormento?
Forse il tempo
vuole concedermi una tregua
forse non è davvero tutto passato
quel che è già stato
forse non è vero
che sono giunto stanco...
Ad un solo metro dal traguardo
ho perso l'equilibrio
da due mesi almeno
aspetto di toccarlo il fondo
nell'attesa mi sento male
ma non vale
non è mai valso granchè
prevederlo il dolore finale
i miei amici sono tutti là
insieme a quelli che di bene
non me ne vogliono per niente
con le mani sulle ginocchia
a farmi forza
ma loro sono già oltre
dalla parte buona
della linea bianca

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Rosarita De Martino il 17/02/2010 20:36
    Caro amico, ti scrivo per donarti la piccola perla della mia amicizia poetica. Anch'io nel mio lungo, sofferto percorso di vita ho atteso attenzioni, comprensione, affetto e se spesso non l'ho trovato mi sono rivolta a più spirituale attesa e finalmente, nella fede ritrovata, ho incontrato il mio Signore che ha colmato la mia attesa. Con ogni augurio. Rosarita.
  • Vincenzo Capitanucci il 16/02/2010 11:03
    nudi i miei passi lungo il fiume... aspettano di toccare il fondo... orma dopo orma...

    Molto bella Salvatore...
  • laura marchetti il 16/02/2010 09:27
    ... ATTENDO sempre le tue poesie... perchè sei molto bravo..
  • Anonimo il 15/02/2010 21:16
    Molto bella e intensa, mi piace!
  • karen tognini il 15/02/2010 20:10
    Emozioni...!!! bravo come sempre... 5 stelline...
  • Anonimo il 15/02/2010 19:51
    Piaciuta, molto intensa, alla ricerca di perchè, ben scritta. Bravo Salvatore.
  • laura cuppone il 15/02/2010 19:40
    aspetti di toccare un fondo
    ne assapori il tonfo
    ma non ne prevedi il momento...
    riuscire ancora a distinguere é un vantaggio
    per la tua parte ancora inchiodata al presente
    ma é anche uno svantaggio
    se ancora si distingue nella sofferenza...
    ... non é lontana quella linea e non é un confine...
    sei ancora nel bianco
    se vuoi...
    un componimento che ho sentito...
    molto.

    Laura
  • loretta margherita citarei il 15/02/2010 19:25
    molto intensa, potresti essere anche un buon giornalista, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0