accedi   |   crea nuovo account

Claudio

zoppo
dal passo discorde
ritrova vita
nella solfeggiata danza
della novizia
La incoraggia
lo scintillante sguardo, igro
rivive antichi clamori
di perfetto incedere
plastico
ora, senza scettro
spettatore pagante.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • ignazio de michele il 27/02/2010 19:23
    Nell'antica Roma, l'imperatore Claudio, nominato in cotal guisa perchè claudicàva (era zoppo) i sudditi, per assicurarsi la sua benevolenza, storpiavano i figli acchè -claudicassero- come l'imperatore. Quando si mise fine a questa barbarie, rimase solo il vezzo di dare ai propri figli il nome di Claudio.
  • ignazio de michele il 19/02/2010 11:00
    Flò, oltre al grazie, mi corre l'obbligo evidenziare la tua smisurata capacità di sintesi.
  • Anonimo il 18/02/2010 14:58
    è proprio vero... il titolo è sempre l'opera principale...
    piaciuta molto...
  • ignazio de michele il 17/02/2010 12:06
    rispettabilissime, le tue perplessità ma, forse, è anche giusto che ognuno componga come è capace, no? cmq grazie per le indicazioni.
  • gian paolo toschi il 16/02/2010 16:00
    Mi attrae, questo tuo lavoro, anche se non riesco a capire il contesto, o è solo un bozzetto? Complimenti per il titolo. Non è che insisti un po' troppo con egro?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0