PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'incendio di Boves

La pacata serenità e la pura
coscienza empivano
i nostri giorni,
minuti di zoccoli e lavori,
ore di fango e neve.
Non avevamo ancora
patito il dolore di
una guerra, nevrosi insana
di qualche sperduto.
Un giorno di settembre
i nostri campi,
le nostre colline,
i nostri alberi
premeditarono qualcosa,
un qualcosa di oscuro
dove le ombre avessero
appagato la loro
arma di appiattimento.

Alcuni di noi - trepidi -
salimmo sul Giguttin
per puro opportunismo,
ma avemmo pur l'ardire
di lottare, battagliare
contro i soldati,
paladini ferrati e
disciplinati,
essi spararono
"strenuamente" verso
le nostri amabili mogli,
i nostri impensieriti figli,
i nostri creatori,
i frutti dei creatori
e i nostri fratelli,
i figli di Boves.

Stanchi della faticata
salita, scrutammo
l'ardente panorama
-nos tantum urbis
filii eramus-
impuri peccatori del
mondo che cadeva,
osservammo i neri corpi
e assimilammo solo
don Giuseppe e il
Vassallo, gabbati
da Peiper- il superiore-.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 16/02/2010 20:39
    scritta molto bene, noto che ami la storia, ti suggerisco di fare un poema con tutte queste tue.
  • Anonimo il 16/02/2010 19:42
    Infatti, inizia a Boves la politica del terrore, quando viene data alle fiamme il 19 settembre del 1943. Scritta molto bene!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0