accedi   |   crea nuovo account

Il santo

So di un uomo
che dopo aver divorziato,
spese un quarto della sua vita
cercando di capire
la psiche femminile,
senza mai riuscirvi.
Caduto in depressione profonda,
ritrovò l'equilibrio perduto
scoprendo la serenità
diventando gay.
In questa metamorfosi mutante,
ora sta cercando disperatamente,
di comprendere,
come mai la gente,
la sua diversità non accetta,
persino la chiesa, lo stato, gli amici
di un tempo gli chiudono
della porta, il battente.
Dopo l'ennesima
inevitabile depressione,
farà il mutamento,
con il sopportare
l'insopportabile moralismo,
sarà eletto, per divina intercessione,
santo.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Aedo il 01/11/2011 18:33
    La tua poesia tocca un tema importante: la diversità. Spesso la società monocorde emargina chi vive secondo canoni non comuni, mettendo in evidenza una nuova versione del razzismo. Bravissima!
  • Anonimo il 17/02/2010 06:28
    E sono anche pienamente d'accordo con il commento di Fabio.
  • Anonimo il 17/02/2010 06:27
    Questa va tra i preferiti. È piena di verità
  • Fabio Mancini il 17/02/2010 01:33
    Una separazione coniugale può indurre a compiere gli atteggiamenti più estrosi, o imprevedibili. L'uomo della tua narrazione dapprima spende un capitale del proprio tempo per capire la psiche femminile che poi non è molto disssimile da quella maschile, poi si allontana definitivamente dalle donne, approdando nell'universo omosessuale. Probabilmente un'omosessulità indotta dalla forte delusione matrimoniale quella di questo uomo, non certo un'omosessualità vocazionale che altrimenti si sarebbe espressa molto più precocemente. Secondo me, non è importante quanto tempo o denaro spendiamo, ciò che importa è capire chi veramente siamo. E l'uomo del tuo racconto, dopo tante tribolazioni lo scopre. E alla fine mi chiedo chi sono i mutanti: quelli che nella vita restano rigidamente uguali a loro stessi, o quelli che crescono, si evolvono, cambiano? Molti uomini di scienza (non solo Galilei) e molti uomini di fede, sono stati tacciati dei crimini più assurdi, mentre invece portavano il seme della verità. Il bigottismo, la ristrettezza mentale, l'ignoranza, il pregiudizio sono i veri nemici da combattere. Ciao, Fabio.
  • denny red. il 17/02/2010 00:54
    scritta molto bene brava loretta anche per il tema trattato piaciuta! ciao
  • una primula il 16/02/2010 23:37
    Purtroppo succede spesso che nel momento del bisogno spariscono tutti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0