username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il brigante e la baronessina

Un ultimo bacio mi darai
prima di sparire nella notte.
Attenderò quel bacio
per giorni
lunghi giorni di impaziente attesa
dilatata fin nell'infimo dei suoi istanti
per godere di un unico
e sfuggente,
quello in cui,
per l'ultima volta,
mi bacerai.

L'Amore,
che quanto più è negato
più infiamma e arde e brucia
sulla mia strada ti pose,
angelo selvaggio
e mi rese ancella,
anelante imploratrice
di un unico tuo patto sigillato con le labbra.
Mi bacerai.

Ma te ne andrai.
E una seppur piccina parte di me
saprà,
mentre fuggi
avvolto nella tua
camicia di buio,
che non tornerai
e che quando ti vedrò
non brillerà più luce negli occhi tuoi
sorridenti e schivi.
Profeta è il mio cuore
-tacita clessidra di un malcelato accordo col Destino-
così gonfio di mille baci
mai dischiusi
custoditi ora dal rimorso:
non averti è il vero peccato.

Un ultimo bacio mi hai dato:
hai serrato, per volontà d'altri,
le porte al sole.
E ora, con il sapore ancora tiepido
delle tue labbra sulle mie,
non mi resta altro che
seguirti,
amore mio,
e con te spiccare il salto,
là dove non ci sono giorni, nè ore, nè solitari eterni istanti,
ma solo,
per noi,
mille e mille e mille baci,
ancora.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Sibilla Vane il 18/02/2010 08:55
    Grazie, ma non sono molto brava... questa poesia è un'eccezione perchè contiene dentro tanta, forse troppa, emozione..
  • loretta margherita citarei il 17/02/2010 16:31
    direi originale piaciuta molto
  • Salvatore Ferranti il 17/02/2010 08:45
    poesia che ho apprezzato molto, sei molto brava davvero

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0