accedi   |   crea nuovo account

La mia concezione del diverso

Il termine diverso
È un concetto perverso

Pourquoi il a ce nom?
Pourquoi il y a ce mot??

La mia concezione del diverso
non è quella che dà la tivù
è una persona che al verso
ci aggiunge quel tocco in più

Quindi io sono diverso
ma forse lo sei anche tu
lo so che non ha molto senso
ma siamo una tribù

Noi siamo quelli che
ci opponiamo in maniera costante
a tutte le imposizioni
della classe dominante.
È per questo motivo
che io non sottoscrivo,
che non faccio mio,
un patto restrittivo

Per questo sono diverso e ne vado fiero
questo lo ammetto senza riserbo
perciò lo dico a tutti apertamente
non condivido quello che pensa la gente

Non credo alle bugie dei politici
non credo ai loro moralismi civici
e lo dico senza rancore
non credo che sarà un mondo migliore
ma penso che ci sarà solo altro dolore

Non credo alle persone
che ormai agiscono solo a parole
il mio atteggiamento scettico
è solo una reazione
alla mia condizione
non mi fido più di nessuno
e questo è solo frutto
di quello che ho vissuto

Diversi, uniamoci
non ci dobbiamo scoraggiare
diversi, ribelliamoci
insieme qualcosa possiamo cambiare

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 10/03/2010 09:01
    La diversità è legge universale che scaturisce dalla creatività senza limiti dell'Assoluto. In questa generale differenziazione che abbraccia anche tutti gli uomini, il termine "normodotato" dovrebbe essere sostituito da "diversamente disabile".
  • Anonimo il 28/02/2010 04:27
    Scusa se solo a distanza di 10 giorni scopro questa tua bella poesia. Io credo che la diversità così com'é pensata non esista, dal momento che ogni essere umano é diverso dai suoi simili e rifugge -in nome della propria dignità- da ogni classificazione. L'umanità non é fatta a classi come a scuola e nemmeno di numeri di serie o di codici a barre.
  • Fernando Biondi il 21/02/2010 21:57
    hai perfettamente ragione son d'accordo con te
  • francesca cuccia il 17/02/2010 19:49
    Hai perfettamente ragione.
    Essere diverso per migliorare qualcosa non è un difetto anzi, libertà...!
    Bellissime parole, condivido.
  • vasily biserov il 17/02/2010 18:46
    parlo di ogni diversità che se viene massificata come dice Salvatore porta alla paura... per questo bisogna sfruttarla con intelligenza. Grazie a tutti per i commenti!!
  • loretta margherita citarei il 17/02/2010 16:30
    condivido appieno
  • B. S. il 17/02/2010 14:58
    La tua concezione del diverso somiglia alla mia... a volte la diversità è una possibilità che arricchisce, che permette il confronto... ovviamente tutto ciò necessita del supporto dell'intelligenza... in caso contrario, diventa paura, chiusura...
    Bravo Vasily, bella, grazie.
  • Anonimo il 17/02/2010 14:47
    Hai detto bene, diversi siamo tutti. Diverso è quello che non è simile a te e non solo sessualmente, ma anche per il colore della pelle, per il modo di pensare, per il modo di vestire, per il modo di essere, per la sua capacità di non farsi inquadrare all'interno di strutture e di non essere oggetto di sondaggi. Il guaio è, amico mio, che di questi diversi se ne sta perdendo il segno perchè oggi si tende ad oggettivare e massificare tutto!
  • Fabio Mancini il 17/02/2010 10:28
    Non è molto chiaro il riferimento che dai al diverso, se quello più comunemente usato di carattere sessuale: l'omosessuale tanto per intenderci, o se per diversità alludi ad altre condizioni. Ad esempio, il "diverso" è l'immigrato di colore che secondo gli "uguali" è colui che puzza, che non si lava e che non paga le tasse. Un altro tipo di "diversità" secondo il vangelo dei "conformati" è il disturbato mentale, quello che parla da solo, o che dice di essere Napoleone Bonaparte (Berlusconi pur essendosi paragonato all'imperatore francese, nessuno ha mai chiesto che un dottore gli facesse una perizia psichica, cosa che sarebbe accaduta a qualsiasi altra persona). A questo punto credo che siano più i diversi che gli uguali, solo che gli uguali essendosi conformati al potere, governano. Penso che l'associazionismo sia un modo per sentirsi meno soli ed avere un maggiore riconoscimento sociale. In bocca al lupo, Fabio.
  • Simone Scienza il 17/02/2010 09:56
    Diversamente da ciò che pensiamo
    di diversi ce ne sono diversi
    stan soli battendo sentieri diversi
    cerchiamoli insieme a suon di.. versi

    Bravo Vasily

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0