username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tramonto

Seduta su quella panchina
con la tua fantasia dipingevi le stagioni
come fossero dei quadri
raccoglievi foglie gialle e pigne
ed ascoltavi l'eco di stagioni passate,
con nostalgia e rimpianto,
mentre il giorno lentamente sfumava nel rosso di un tramonto
E verso la sera ci incamminavamo
senza sapere né dove né quando...
Seduta su questa panchina
cerco la tua fantasia per illuminare il buio
mentre una carezza di vento asciuga le mie lacrime
lieve il rumore di una foglia che cade.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • fabio martini il 18/02/2010 21:35
    bellissima poetica... brava mi e' piaciuta molto... me la metto tra i preferiti della giornata... fm
  • Auro Lezzi il 18/02/2010 17:32
    Però son proprio belli i tuoi tramonti.. a volte nostalgici a volte speranzosi... Sono rosa di sera..
  • Anonimo il 18/02/2010 14:55
    Ma che archivio hai? Ne pubblichi tre o quattro al giorno! Questa è bellissima.
  • Anonimo il 18/02/2010 14:02
    E'intensamente bella, ma io mi chiedo: perché mai non siamo capaci di vivere il momento presente così com'è senza andare al passato o al futuro?
  • denny red. il 18/02/2010 13:39
    brava laura seduta su una panchina, ricami di una bella poesia ciao
  • karen tognini il 18/02/2010 12:54
    Molto bella.. e dolce.. brava!
  • Salvatore Ferranti il 18/02/2010 11:28
    poesia di una dolcezza infinita, che cattura..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0