username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Alba

Brulla la brughiera
desolata
sui miei passi
lenti
Marcisce la pineta
per le mie distrazioni
ovunque
relitti

Cammino lentamente
indosso un maglione
di paura, nelle viscere
qualcosa
muore. I miei affetti, i difetti
lunghe malinconie.
La mia voce è quasi estinta. Arde la brughiera
e da lontano
mi allontano
a passi lenti
verso una nuova
abbagliante
alba.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • fabio martini il 18/02/2010 21:36
    bella questa poesia... bravo...
  • Anonimo il 18/02/2010 20:23
    Compimenti Vincenzo è veramente profonda e bella.
  • tanya belletti il 18/02/2010 19:02
    L'alba che nasce sotto ai tuoi piedi..
    e si lascia alle spalle ogni fatica..
    bravo..
  • loretta margherita citarei il 18/02/2010 16:31
    va, viene, bella la brughiera da il senso del precipizio, piaciuta molto
  • Anonimo il 18/02/2010 14:49
    é l'andare e il venire della vita!
  • karen tognini il 18/02/2010 12:52
    SEi semplicemente.. fantastico.. bravo...
  • Simone Scienza il 18/02/2010 11:55
    Sei riuscito a farmi venire la pelle d'oca... dico sul serio non scherzo. IMMAGINI OTTIME
  • cesare righi il 18/02/2010 11:40
    bellissime immagini, solitarie e con una speranza in fondo al cuore. Voglia di rinascita
    apprezzata da 5st
  • Salvatore Ferranti il 18/02/2010 11:38
    una grande poesia questa... pienamente apprezzata e condivisa.
  • Anonimo il 18/02/2010 11:00
    .. incredibilmente bella nella speranza di una nuova alba..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0