accedi   |   crea nuovo account

Vorrei tu fossi qui

Rose bianche,
a ricoprir ciò che rimane.
Te ne sei andato così,
all'improvviso.

Fragili presenze,
nell'assurdo rito dei saluti,
nel riconoscersi tra capelli bianchi,
nuove rughe.
Mentre la pioggia sottile
si mescola a lacrime,
ad abbracci goffi,
alla tua musica.

Vorrei tu fossi qui.

E sì, ci sei...
nello sguardo di chi hai amato,
di chi ti ama ancora.

 

l'autore Minalouche TS Elliot ha riportato queste note sull'opera

Il titolo originale era "Wish you were here", era una delle sue canzoni preferite. Ciao Tony.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Alda Visconti Tosco il 01/05/2010 21:45
    Fragili presenze,
    nell'assurdo rito dei saluti,
    nel riconoscersi tra capelli bianchi,
    nuove rughe.
    Mentre la pioggia sottile
    si mescola a lacrime,
    ad abbracci goffi,
    alla tua musica.
    ----------------------------

    veramente efficace, diretta!
  • Anonimo il 15/04/2010 16:55
    È un bel ricordo sapientemente trasferito dal cuore alla carta. brava.
  • Adamo Musella il 01/03/2010 19:51
    Una presenza che non ci lascia veramente, potremmo notare l'assenza fisica, ma questa è pura arrendevolezza ai sensi e alla ragione... ma altro più forte, più empatico può far ritrovare forma e presenza. Scritta con una vena di malinconia, ma con grande ed assoluta delicatezza. La mano è stata felice e i ricordi meravigliosi hanno fatto il resto. Ti faccio i complimenti per questa tua. un bacio grande alla gatta.
  • Don Pompeo Mongiello il 28/02/2010 20:04
    Un vero canto all'amicizia nella sua mistica sensibilità. Veramente piaciuta! Ne approfitto per ringraziarti degli auguri.
  • francesca cuccia il 21/02/2010 19:10
    C'e chi lascia un segno dentro noi ed esprimerlo in poesia è un dolce ricordo che non muore mai.
  • Maurizio Cortese il 20/02/2010 19:22
    Composto quadro di un compianto, tra dolore sincero e di circostanza, con la certezza di una continuità e un'apertura forse al mistero.
  • Ugo Mastrogiovanni il 20/02/2010 18:05
    Anche se molto sofferti e sinceri, sono versi che sembrano aprire una porta a nuova vita; rivelano dolcemente il profondo dolore di Marilena e nello stesso tempo, diventano un canto all'amicizia.
  • Minalouche TS Elliot il 20/02/2010 17:24
    Ringrazio tutti voi, forse non è lucida, ma nasce in modo impulsivo, per una persona che improvvisamente non c'è più e che ha lasciato un grande vuoto.
  • loretta margherita citarei il 20/02/2010 05:41
    molto dolce nel descrivere il rimpianto piaciuta molto
  • Anonimo il 19/02/2010 23:32
    delicata come l'amore che hai ricevuto. un abbraccio Salva.
  • karen tognini il 19/02/2010 23:26
    Molto bella... rimane sempre... l'anima...
  • Cesira Sinibaldi il 19/02/2010 23:09
    Mi avevi detto e subito ti leggo. La tristezza e l'ovvietà dolorosa del saluto vanno a confluire in quello sguardo riflesso che ti trattiene un po'. Il dolore è lenito. Brava, delicata, sempre "in punta di piedi"!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0