accedi   |   crea nuovo account

La clessidra

Romantica e celeste è la clessidra
che il tempo indietro, invano volge al fine.
Rimanda ad un eterno cuor malato
e a un fil di sabbia, voluttuosa sete
dei mai felici giorni spesi insieme.
Scorre tra lente e affusolate dita
dolci del tocco sulla pelle nuda
e scocca un dardo di passione ardente
sulle focose labbra, che m' acceca.
È cenere e non arde, morbide membra
e ormai del mare più non spegne sete
nè più il rumor dell'onda porta seco
nè del finito amor porta più l'eco.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 20/02/2010 12:01
    Pensieri e composizione molto belli.
  • Diana Moretti il 20/02/2010 11:22
    sommessa e melanconica eco sul tema dell'ineluttabilità del tempo che passa "e né più l'onda porta seco"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0