PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Onirici sussulti

Sogni d'incantevole torpore d'amore,
vorrei rimanervi a lungo, vorrei poter aver te
al di fuori dell'onirico istante che par duri una vita.

Ma quale vita, è una frazione di secondo
che lascia sol-l'amaro, dell'impossibilità.
Vorrei che la mia musa si svegliasse al mio fianco
leggiadra e felice;
eeeh, quelle magiche istanze del cuore.

Rotolano foglie, in uno scorcio c'è un sorriso,
ma non capisco non percepisco alcun viso;
di chi è questa magica energia...
NOOOOO... il risveglio mi ha portato via.

Rientrando nelle istanze della mente
ardentemente ricerco fragili tracce,
vedo quel sorriso di magica mira
ma cerco, di veder oltre.
Vado avanti nella mia visione lottando col torpore
pronto a barattare il tutto per la lucidità della visuale
la troverò vincendo quella corrente,
simile al mare,
perchè così ti muovi nel sogno.
A volte supportato, a volte spintonato via,
dal flusso mentale che ti porge una faccia
di quella medaglia universale, ti abbraccia
ti regala una possibile vita e subito dopo
è svanita, spintonandoti via.

Nella durata di un'istante allora io ti vivo,
vivendo una vita di schizofrenico amore;
appare nel dì... ma come una frazione di bagliore.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0