PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'uccellin che vien dal mare

gli uccelli paiono sospesi in maniera innaturale
sui fili dell'alta tensione
quasi a sfidare il nostro moto di rabbia
nel non essere capaci di imitarli
va solo l'esploratore
accompagnato dall'ironia di chi crede
che il vivere sicuro sia anche sinonimo di vita sicura
quello strano sentimento
che mescola paura e desiderio
di tuffarsi nella morte di ogni istante
e poi infine nel supremo abbraccio
come la canzone che parla dell'amato paese
abbandonato a causa del suo esser vuoto e triste
per poi ricordarlo
ad ogni soffio di nostalgia

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • luigi deluca il 27/03/2014 06:00
    triste, carica di nostalgia, e per questo, molto ma molto vera,
  • Vincenzo Capitanucci il 22/02/2010 07:34
    tuffarsi nella morte di ogni istante... per ritrovar Se Stessi...

    Buon viaggio... Giuliano... in Alta Tensione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0