PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Neve (romana)

Cade dal cielo lontano
un pallido chicco
con fare incerto
e lo afferra una mano:

un piccolo bimbo
col moccio ghiacciato
volteggia contento
stringendo quel chicco.

Ed eccone un altro
e poi suo fratello
ma nessuno è gemello
dell'altro puntino;

il bimbo li afferra
saltella gioioso
in mezzo alla neve
cullata dal vento.

Il manto innevato
cattura i palazzi
e i condomini scendono
nel mondo imbiancato,

mentre il bimbo gioca
insieme agli amici
nel tempo che è fermo,
colorato di neve.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • gianni castagneri il 28/01/2014 17:13
    bellissime le prime quattro quartine (si dice cosi'?)... ah la magia della neve!
  • Lorenzo Coltellacci il 22/02/2010 15:21
    Aver visto la neve a Roma... beh, mi ha fatto emozionare e ho subito composto una piccola poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0