username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La foglia che cade

Un albero maestoso si staglia nel cielo
in attesa di un segno divino
come se aspettasse un amore mai rivelato
un passaggio infinito verso quello che non c'è.
Le foglie dondolano cullate dal vento
vivono sulla speranza di ciò che vorrei
allo scorgere del sole in lontananza
in attesa che passi la stagione di quella che sei.
Ormai il nostro momento è arrivato
la trappola dell'alba ci unisce
in un abbraccio che non posso sopportare.
Ricominciamo daccapo la nostra storia
quella di una foglia che cade
cosi leggera che può quasi volare.
Questo cielo blu mi fa vedere come sei
e forse come ti vorrei
con una lacrima che scende sul mio viso.
Perchè un uomo non può vivere di sè
questo forse si può cambiare
la vicinanza di te mi fa soffrire
come quello che ancora non è avvenuto fra di noi.
Mi piace vederti da quaggiù
per capire come ti vorrei
io non vivo più
ma siamo cosi vicino che forse ancora
potremo stare insieme
per vedere il tramonto del nostro domani
con parole che ancora non posso spiegare...

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 05/09/2012 20:53
    Immagine assai poetica di un'intesa che si crea immaginando prospettive sempre migliori quando arriverà il momento giusto.
    Dolce, serena e volitiva. Bella davvero.

4 commenti:

  • Anonimo il 22/02/2010 18:27
    Piacuta, la trovo bella e ben scritta.
  • denny red. il 22/02/2010 18:20
    brava elisa molto bella mi piace!!
  • Salvatore Ferranti il 22/02/2010 17:47
    poesia da cinque stelline, sono d'accordo con karen... sono senza parole
  • karen tognini il 22/02/2010 16:54
    Che poesia.. stupenda.. sono senza parole!...
    baci... baci..
    karen

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0