accedi   |   crea nuovo account

Dimmi

Dimmi, quali sono
i contorni della mia mano
nelle righe dell'infinito?
Allora, mia bella zingara
dei tempi trascorsi
colora le linee del mio pugno proteso
verso una rabbia rappresa
e con la tua voce vellutata,
proprio quella che ha accompagnato
le note modulate del cantore
sui ponti della fantasia,
racconta la fiaba
la storia incantata di folli amanti
mentre cavalcavano le onde dei sogni,
accarezza il mio cuore
con i sussurri soavi
perché una corda mi stringe il respiro
e mi sento solo
abbandonato dai pennelli del pittore stravolto
col solo desiderio di spargere le lacrime
sullo spettro del silenzio
e perdermi nel manto della notte,
allora mia bella zingara
me lo leggi il futuro?

"Forse vuoi piangere
e io sono qui
con delle illusioni
a cullare il tuo sospiro
con la nenia della mia voce
e a ricordarti che sarò sempre vicino a te
a baciare il tuo volto stanco,
prendi la mia mano
e anche se la nebbia
sembra offuscare le pareti di nero
insieme viaggeremo verso le sponde
dell'impossibile,
la disperazione è la carta del nulla
e va sfidata,
ricorda
non sarai mai solo
io vivrò sempre accanto a te
pronta ad amarti
e accoglierti
nel profumo dei miei capelli,
sì, vieni con me..."

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Evelyn Di Maio il 08/05/2012 14:56
    "La disperazione è la carta del nulla e va sfidata..." Mi piace questa poesia che è quasi un racconto, un dialogo dall'infinito.

41 commenti:

  • Anonimo il 13/04/2011 15:02
    triste... ma incantevole...
  • Anonimo il 20/03/2011 12:31
    Piacciuta tantissimo... nn servono altre parole, già dette, cosi "insieme viaggeremo verso le sponde dell'impossibile " io inizio il viaggio...
  • Anonimo il 31/05/2010 09:31
    Non necessita di commento...
    Grazie!
  • Angela Marino il 11/05/2010 20:47
    Non so che dire...è stupenda! L'ultima parte è così bella da commuovere...
  • Anonimo il 17/04/2010 13:04
    Molto bella, scrivi davvero bene complimenti!!!
  • Ugo Mastrogiovanni il 10/04/2010 12:03
    Quando un lavoro in versi si fa leggere tutto d'un fiato e ti fa trattenere il respiro, allora trattasi di una comunicazione poetica vera, quella che ha la caratteristica di elevata sensibilità, immune dal sovente manierismo di molti e avente il marchio dell'esclusività; tale è la poesia "Dimmi" di Ignis Ignis.
  • garfield il 07/04/2010 17:05
    è splendida.. bravissimo..
  • Don Pompeo Mongiello il 05/04/2010 10:00
    Bella molto seppur velata da una tristezza che traspare... Bravo!
  • Anonimo il 05/04/2010 02:15
    Anche tu non scherzi con le parole! Bella poesia. Complimenti!
  • Marysun... il 01/04/2010 21:10
    .. triste ma anche un po' felice.. versi che trasportano e coinvolgono.. poesia molto sentita!
  • denny red. il 30/03/2010 14:06
    splendida!! ben scritta!! bravissima!!
  • Stefano Romano il 30/03/2010 08:04
    La speranza e l'elemento onirico si fondono in una magica atmosfera che incanta il lettore. Complimenti sei stato molto bravo.

    ciao
  • Anonimo il 25/03/2010 00:52
    un invito ambiguo forse macanza di pennelli povera zingara lasciala al suo futuro
  • Anonimo il 22/03/2010 14:11
    il sogno che si crea con il piacere di essere e di avere tutto ciò che il cuore vorrebbe, una zingara che legge nella mente l'unico pensiero e lo condivida al posto dell'amata, un sogno che appaga la mente ed anche il cuore. ciao Ignazio, una composizione che scava dentro all'anima di tanti di noi o almeno di me. Salva.
  • Elena Rossi il 17/03/2010 19:24
    È stata una piacevole accoglienza la tua. grazie.
    Ho letto alcune delle tue poesie. La prima impressione è quella di una certa affinità con il mio modo di scrivere, sia sui temi che sul linguaggio. Questa tua è malinconica ma non arrendevole, il passato (vissuto) e la richiesta di leggerti il futuro si intrecciano deliziosamente rendendola senza tempo. Perchè... si sa, la ricerca della felicità è... senza tempo.
  • Anonimo il 17/03/2010 10:53
    Ignis, ogni poesia d'amore che esca autenticamente dal profondo del cuore riesce a far risuonare le corde dell'anima di una musica che forse nessun compositore potrà mai scrivere... la tua è una di queste. Mi sono commosso.
  • tania rybak il 09/03/2010 22:51
    mi sembra una bellissima dedica al nostro destino, che ci accompagna sempre, dolcemente. l'hai descritto molto bene. grazie del commento e volevo dirti che anchè io ti apprezzo.
  • Anonimo il 08/03/2010 00:31
    Anche tu, Ignazio
    sai costruire sogni azzurri affinchè il tuo cuore rimanga vivo.
    La zingara è una figura che già in altre poesie è apparsa nel momento di tristezza, quasi ad esoriczzare questo profondo malessere
    Triste ma molto bella
    ciao
    Angelica
  • Anonimo il 07/03/2010 07:46
    .. scritta stupendamente mio carissimo Ignazio..
    ed io entro con te nel tuo splendido mondo fra sogno e realta'
    cavalco la tua fantasia.. abile pittore di emozioni
    un abbraccio Aurora
  • Vivì Coppola il 06/03/2010 06:45
    Una stesura bellissima e delicata. Un contenuto dolce e veritiero ed infine una chiusa che ben si adatta all'insieme. Molto bravo!
  • Donato Delfin8 il 05/03/2010 11:12
    Ottime immagini.
  • esther iodice il 04/03/2010 23:14
    Fosse così facile strappare da me tali modi di dire... lei è completo... Bravissimo!!!
  • Anonimo il 04/03/2010 11:39
    Magnifica Ignazio.. bellissime immagini e scritta benissimo.
    Grazie per come scrivi amico mio.
    Ciao, B. Roses.
  • M. Vittoria De Nuccio il 01/03/2010 14:49
    Splendida poesia... hai dipinto un quadro con pennellate di sogno e di realtà.
  • Dolce Sorriso il 27/02/2010 16:38
    una storia che incanta,
    una dolce fiaba che racconta del tuo amore
    bellissima poesia
    bravo tu Ignis
    smack
  • Aedo il 27/02/2010 00:30
    Ringrazio tutti gli amici, che mi hanno offerto dei commenti bellissimi. Questa poesia nasce, come la precedente, da uno stato di tristezza e solitudine, riuscendo, però, a superare il suo effetto negativo grazie alla fantasia e al sogno. Ecco che mi richiamo alla"zingara", personaggio fondamentale di un mio ciclo di poesie passate insieme al cantore alias me stesso, affinché possa risentire il profumo della vita vera, dell'inesauribile potere del cuore rigeneratore. Sono certo che su questa strada ci incontreremo tutti quanti.
    Un abbraccio
    Ignazio
  • alice costa il 26/02/2010 20:46
    .. bellissima... una storia incantata di folli amanti che cavalcavano le onde dei sogni.. e una bella zingara che racconta...
    ed emoziona...
    splendida!!!!!
    bravissimo
  • Antonietta Mennitti il 26/02/2010 16:02
    " Dammi questa mano zingara" e svelami il futuro... Enchantee mia cara!
  • Dolce Sorriso il 26/02/2010 14:36
    PARTICOLARMENTE BELLA QUESTA TUA...
    SMACK
  • A. SOFIA il 25/02/2010 17:37
    ... sempre positivo nei tuoi canti...
    infinitamente bella!
  • Anna G. Mormina il 24/02/2010 17:09
    ... dolcissimo il canto della zingara,... come non restarne estasiati... molto molto bella! Iignaazio complimenti, un abbraccio!!!!
  • fabio amato il 24/02/2010 13:38
    Splendida poesia piena di amore e sentimento
  • francesca cuccia il 24/02/2010 08:13
    Molto bella questa poesia!
    Piacevole da leggere e ascoltare molto brava, ciao.
  • Don Pompeo Mongiello il 23/02/2010 19:05
    Si legge incantevolmente. piaciuta
  • laura marchetti il 23/02/2010 14:37
    Piena di incanto e molto bella
  • Fabio Mancini il 23/02/2010 06:32
    Bello oltrepassare il confine del reale, per approdare nell'universo del sogno. Una bella fiaba per adulti, dipinta da mano esperta. Ciao, Fabio.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/02/2010 23:36
    ... racconta la fiaba
    la storia incantata di folli amanti
    mentre cavalcavano le onde dei sogni...

    Bellissima Ignis... si vieni con me...
  • karen tognini il 22/02/2010 23:09
    Stupenda.. veramente.. tanto!

    ciao karen
  • nicoletta spina il 22/02/2010 22:42
    È bellissima questa poesia-fiaba ricamata di sogno
    anche nel pianto..."la disperazione è carta del nulla e va sfidata" , splendida frase!!
    Hai saputo trasmettere molto bene il tuo sentire.
    Veramente bravo, come sempre.
    Un abbraccio
  • Cinzia Gargiulo il 22/02/2010 22:11
    Sogno ed emozioni si mescolano alla perfezione in questa bella lirica che sa di favola.
    Bravissimo Ignazio!
    Bacioni...
  • Anonimo il 22/02/2010 21:47
    Illusione di camminare insieme e mai soli, emozioni, voler sognare per non perdersi nella notte buia e piangere per
    la realtà che a sprazzi sbuca alternata ai sogni...
    bellissima Ignazio, sembra una favola... ma con risvolti tristi!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0