accedi   |   crea nuovo account

Lucana insurrezione

A quei tempi,
intorno alla diroccata torre,
risiedeva Matera
-paese di brava gente,
centro di escluso intralcio.
Era una città che
dormiva nei suoi beati
giorni, il popolo era
candido nel suo lavoro
di innocente silenzio.

Calcarono la terra
del costone prima i
fascisti, poi i nazisti.
Rastrellarono diciotto
cittadini, il destino
era inciso sulla pietra
della collina e i setacciati
furono spenti da qualche
mina.

Ubriachi di denaro,
i fautori della destra
depredarono l'oro
di Caione, poi si udirono
dei colpi e il frastuono
dei corpi caduti, corpi
hitleriani.
Nacque l'insurrezione,
il popolo che fino a quel
giorno aveva poltrito , decise
di lottare e il suo riscatto
ebbe ventura a San Biagio,
campo di agognata vittoria.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Donato Delfin8 il 06/06/2010 20:44
    Piaciuta.
    Bravissimo.
  • Anonimo il 01/03/2010 11:53
    Mi inchino a chi si occupa del sociale. Anche io soffro ma il mio ego mi fa sempre parlare di me. Quindi mi inchino a chi compensa. Bravo!
  • Anonimo il 23/02/2010 10:07
    Un'altra pagina dell'ultima storia... tanto per non dimenticare!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0