accedi   |   crea nuovo account

Tu, lo sai!

Cosa ne sapete voi
di ciò che sono
di quel che voglio,
dei miei sorrisi
del mio dolore
delle mie lacrime
del mio vivere.
Che ne sapete?
Vi accontentate delle apparenze
per non scoprire il vero essere
della mia anima
sincera,
dolce,
vera.
Eppur soffre
fino in fondo non la vedete.
Pensate di sapere?
Ho sofferto per farvi sorridere.
Questo non lo sapete!

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 23/02/2010 18:24
    Concordo con te. In questa poesia mi ci sono specchiata.
    Un abbraccio
  • Anonimo il 23/02/2010 18:15
    Francy so che è molto difficile spiegar agli altri il più profondo sapendo di parlar con sordi. tranquilla Amica, sei di carattere. ciao Salva.
  • Anonimo il 23/02/2010 14:48
    il mondo non sa nulla di se stesso, per quello cerca negli altri ciò che soffre o non vorrebbe soffrire... gli occhi di avidi spettatori giudici e implacabili, affamati... miseri...
    nessuno può vedere nelle sofferenze altrui se non comprende le proprie... può solo guardarle...
  • francesca cuccia il 23/02/2010 13:11
    Lo farò, grazie Paola sei dolcissima,
    grazie a tutti, un abbraccio.
  • Paola B. R. il 23/02/2010 11:36
    Francy è difficile per la gente arrivare fino in fondo all'anima delle persone... però, c'è anche chi ci riesce. Cerca di vedere sempre il lato positivo... si vive meglio!!!! Molto bella!!!!
  • loretta margherita citarei il 23/02/2010 10:58
    ridere fino alle lacrime per nascondere le proprie, bella
  • maria caputo il 23/02/2010 10:00
    Nessuno lo sa, è meglio non farlo sapere agli altri, perchè gli altri non se ne importano, sembra che se ne importano, ma più che sorridere, ridono...
  • Anonimo il 23/02/2010 09:36
    Questa pone un profondo quesito. Concordo pienamente con quanto dici. Chi ride e fa anche ridere spesso ha un tumulto interiore che nessuno può comprendere. Un saluto, Salvo.