accedi   |   crea nuovo account

L'eterno straniero

Un organo è pur sempre un organo
comunque lo si scriva o lo si chiami
che sia strumento musicale
o in carne ed ossa importa poco
basta guardarlo o solo immaginarlo
per rivelarsi, tragicamente,
pensiero astratto e vago.

Inesplicabile nella sua naturale
e complessa concretezza
anche quando la relativa
e momentanea percezione
lo fa apparire semplice e tangibile
intimo fino allo spasmo
resta, in realtà, nel paradosso,
un eterno ed insolubile straniero.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -