PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Presenze

Incespico un vento nuovo
sostanza incolume
leziosa e forviante
semino i passi
con le vesti
attaccate
danzanti
nella nebbia di sabbia nulla distinguo
e sono io a soffiarne l'effetto

Sfarfallano nella coda
del mio occhio
presenze repentine
come sonagli di un serpente graffiano
come il tamburo di una foresta rimbombano
ma poi
come soffio sulla candela scompaiono
e lasciano scie immobili
invisibili fumi
che cristallizzano


Probabilmente
anelo un tuo segno
pur restano in tacito accordo
con le presunzioni favorevoli
d'una stranezza reciproca
d'una stravaganza dotata di benessere
nel poco
nel non dovuto
nel non richiedibile

Sufficiente
contemplazione di margini elettrostatici
una pena infranta dalla pelliccia del felino
in una tosse spasmodica
di spazi

Sono lievi
gli schiumosi polpastrelli di un'onda
per i relitti
e cullano una morte apparente
pezzi di storia dispersi al fronte
della battaglia degli ippocampi
con le stelle

Perdo ancor dolcemente
pensieri di carta macinati a pietra
come gusci di semi nobili
leggeri strati
di pelle rossa
nel rosso
volanti...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • laura cuppone il 24/02/2010 15:40
    é un dolce tepore
    la tua carezza sabrina...
    ci sei eccome anche tu!


    grazie
    un abbraccio
    Laura
  • Anonimo il 24/02/2010 13:23
    A me le poesie ed i racconti un po ovattati che evocano scene viste in penombra attraverso la trama di una tenda alla luce di una candela, piacciono tanto. Quelle immagini sulla soglia tra sogno e realtà sono bellissime. Lettura veramente appagante. Complimenti.
  • laura cuppone il 24/02/2010 11:00
    grazie a tutti anche a nome delle... presenze...


    ...
    Laura
  • tanya belletti il 23/02/2010 23:19
    é quasi un vedo.. non vedo,
    versi che descrivono molto bene il senso della percezione..
    il tangibile che lascia posto all'immaginazione
    molto bella
  • Anonimo il 23/02/2010 23:18
    Presenze
    che accendono il cuore...
    nonostante tutto
    Ciao amore
    Angelica
  • augusto villa il 23/02/2010 22:33
    Caspiterina!...
    "in una tosse spasmodica"...
    Sei unica.
  • ANGELA VERARD0 il 23/02/2010 22:25
    stupenda!!! i ricordi talvolta come fantasmi...
  • loretta margherita citarei il 23/02/2010 21:11
    fantastica, mi ha colpito quei pensieri di carta... come solito sei super.
  • Anonimo il 23/02/2010 17:08
    "anelo un tuo segno pur restando in tacito accordo" e si, forse la sopportazione è così. grande Laura. ciao Salva.
  • Anonimo il 23/02/2010 16:16
    toc toc! laura, se ci sei batti un colpo!!!
    i fantasmi e le presenze sono sempre attorno a noi, ricordi, sensazioni, errori, incertezze... turbinano o restano fermi soltanto per farci da monito. sono quelli della mente e dell'anima e poi... quelli dello spirito chissà...
  • Anonimo il 23/02/2010 16:07
    Mi piace la poesia, ne ravviso un contenuto legato a situazioni che vanno lentamente a sedimentare dentro di noi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0