accedi   |   crea nuovo account

Noia

Ancora la paranoia
Non riesco ad allontanare lo stress
Sempre a pensare
E il male non si addormenta
Prova a mantenere la calma
Non lasciarti vincere
Non permettere che la rabbia si impossessi di te
Ma non riesco a fare almeno di pensare in questo
Giorno e notte mi atrofizzo
La testa non è fredda
Dal troppo maturare fa male
Come volesse scoppiare
Voglio solo un po di pace per poter recuperare
Le idee
Continuano a sfilare davanti a me
Sequenze diaboliche da mente malata
Sembra che tutto gira intorno
Fra poco devo trovare una scorta
Per accompagnarmi in un viaggio all’aldilà
Pian piano la noia
Mi lascia intrappolato
Non ho ipotesi alcuna di successo
Sono posseduto
E ora non ho ritorno
Sudori freddi passeggiano
Corpo giù corpo su
Ferita aperta in carne viva
Che la noia rianima
Permanentemente a bruciare
Non lascia che mi ricordi
Che questo dolore è venuto per restare
Tento a tutti costi di mantenere la sensatezza
Dico a me stesso di non perdere lucidità
Ma della luce alla fine del tunnel
Non resta niente
Sento che non c’è più nessuno buco dove mi posso infilare
Forse vicino al deserto
Posso fuggire ma non nascondermi
Posso anche pregare ma non servirà a niente
Prima o poi lei prende il passo
Posso già sentire la capra stringere il papillon
Quel che era prodotto da una mente distorta
È passato subito ad un altro livello
L’allucinazione ha dato posto ad una costante realtà
Provo una metamorfosi in tutto il corpo
Comincia nella pelle
Che lavo nella doccia
Ma questa cosa va avanti sempre
Ad un stato più precario
Il mio corpo è diventato
Una specie di mostro
Una escoriazione
Un ematoma
O soltanto una piaga
Mi guardo allo specchio
E niente riesco già a distinguere
Sembra che sono stato investito.

 

1
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 13/02/2016 09:25
    apprezzata... complimenti.

9 commenti:

  • Anonimo il 28/11/2009 11:45
    Più che malessere è uno stato vero e proprio, la cosa affascinante è che non c'è cura... il cercare a tutti i costi un rimedio ci spinge a vivere e non affondare... ma dentro noi stessi sappiamo che nulla c'e'... Mi piace come scrivi e Capisco cosa vuoi dire...
    Baci Lylly
  • Kartika Blue il 17/11/2009 21:53
    malessere... affascinante!!!
  • Engjëll Koliqi il 07/10/2008 20:29
    una realtà... purtroppo...
    fortissima poesia
    Complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 03/10/2008 14:40
    Bellissima... Luis... provo una metamorfosi in tutto il corpo... sono stato investito...
  • Anonimo il 31/07/2008 10:05
    100!!!
  • laura cuppone il 18/04/2007 17:55
    forse è sbagliato il titolo anche se persone e fatti e situazioni possono annoiare più della ricerca di sè stessi, credimi... ... strutturalmente un po' troppo sequenziale, senza alti e bassi... univoca e unidirezionale, allucinata dalla ricerca di darle una spiegazione... dalle ceneri si risorge... non dimenticare... ciao L
  • alberto accorsi il 01/01/2007 21:13
    bruttina. Qualche problema con la grammatica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0