username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La ragazza nello specchio

La ragazza urlò
cadendo dentro lo specchio
mentre il folle
con la faccia dipinta di bianco
rise di gran gusto
e il vetro si richiuse
dietro a quell'anima in pena
lei finì in un mondo
da lei immaginato
fervida fantasia in tre dimensioni
vuole che il mondo si governi da solo
che non vi siano nè protetti
nè protettori a rincorrere
l'amore e le sue conseguenze
la ragazza è andata ormai
da tempo immemorabile
chissà dove
mentre il diavolo scuote la coda
giocando a briscola
con la coscienza di un povero
che si crede ricco
il folle non ha più una faccia
è un muscolo che palpita
dentro al cuore di un vecchio
senza alcuna barba
della ragazza si ricorda un bambino
l'ultimo che la vide
prima dello specchio
solo che il bambino è morto
da cent'anni almeno
e suo nipote è quel vecchio

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Anonimo il 27/02/2010 10:25
    Buon giorno! Grazie per il tuo commento che contraccambio. Miriam.
  • Anonimo il 26/02/2010 21:50
    io vedo Dorian Gray, del ritratto o come furto, il bottino è sempre l'anima, ma uguale l'arbitrio
  • denny red. il 25/02/2010 03:11
    sempre bravo bravissimo piaciuta! ciao
  • Anonimo il 25/02/2010 01:33
    Super piaciuta. Bravo
  • Anonimo il 24/02/2010 22:11
    Interessante composizione poetica che presenta in forma attualizzata una storia fiabesca con una morale ben definita. Molto originale ed apprezzata.
  • laura marchetti il 24/02/2010 18:35
    sono una tua ammiratrice, stile unico e personale mi piace leggerti... tra le righe!!
  • Rosanna Affronte il 24/02/2010 17:48
    Composizione fantasiosa e intensa... mi piace...
  • Fabio Mancini il 24/02/2010 16:27
    Una composizione fiabata scritta con garbo e maestria. Sei molto bravo. Ciao e grazie per la tua presenza. Fabio.
  • Anonimo il 24/02/2010 15:51
    Complimenti, Salvatore. Lineare, chiaro, vai dritto al cuore. Sabrina.
  • Elisabetta Fabrini il 24/02/2010 15:29
    sei bravissimo... spontaneo e vero... bella poesia, complessa e intrigante... un bacione
  • roberta z. il 24/02/2010 15:26
    volevo dire inquietante...
  • roberta z. il 24/02/2010 15:25
    Molto affascinante. È vero, leggendola anche a me sembra di precipitare come Alice... nel tempo... in una dimensione in tre dimensioni, fantastica tanto quanto inquetante. Davvero molto bella.
  • laura cuppone il 24/02/2010 15:07
    bella ma troppo di getto...
    insomma, sembra precipiti... come alice.. nello specchio...
    il tempo é anche questo... lo spazio tra il torpore della noia e il
    risveglio spaventoso alla realtà
    dove tuo nipote é già tuo nonno...

    mi ricorda "time" dei PF (pink floyd)


    che botta!

    ciao Laura
  • Vincenzo Capitanucci il 24/02/2010 15:06
    ... della ragazza si ricorda un bambino
    l'ultimo che la vide...

    Magico Salvatore... meraviglioso...
  • cesare righi il 24/02/2010 14:49
    mi è piaciuto molto lo stile, lettura veloce e incalzante. Letta come fosse l'epilogo di un romanzo
  • Patty Portoghese il 24/02/2010 14:33
    Una poesia particolare, ancora una volta mette in luce uno dei migliori poeti del sito. Applausi!
  • Anonimo il 24/02/2010 14:27
    Una poesia molto piaciuta, complimenti!
  • karen tognini il 24/02/2010 13:55
    Salva..è una poesia.. molto bella.. scritta con grazia!
    bravissimo..
    un abbraccio
    karen

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0