PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Son sempre le sei di mattina

Eran le sei di mattina
quando la sentii

forte e disperata fu la sera
vissuta appieno

sarebbero arrivate le sei e cinquantacinque di mattina
ed il sole sarebbe sorto

ma

eran le sei di mattina
del ventiquattro febbraio duemilaedieci

eran le sei della mattina
e come sangue rosso se ne stava impressa sulla parete

eran le sei della mattina
e del suono ricordo ancora vago ho!

Sono le sei e cinquantacinque di mattina
e il sole è sorto
l'ora proiettata sulla parete segna 6, 55

eran le sei di mattina
quand'anche la sveglia m'avvertì

ma la notte fu vissuta appieno
ed ora son le sette e come sempre
son qui che corro

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 24/02/2010 18:11
    Beatissimo a te! Molto piaciuta
  • loretta margherita citarei il 24/02/2010 17:17
    beato te, che fai le sei, bravo cesare
  • Vincenzo Capitanucci il 24/02/2010 16:44
    Sei Mattino... mi disse la Sveglia... ed in un'Ora d'Amore... toccai (vino bianco) il Settimo Cielo... alle 8... divenni infinito...
  • Fabio Mancini il 24/02/2010 16:32
    Meglio correre dopo un'intensa notte di vita! Il titolo mi riporta ad una poesia scritta da Conan il Barbaro. Per carità nulla in comune con te, eccetto il titolo dell'opera. Un ironico saluto, l'altro Fabio.
  • Anonimo il 24/02/2010 16:22
    A ragazzi. Tutto alle sei di mattina. Uno scrive dell'eroe ucciso alle sei del mattino. Quì sono le sei del mattino. E poi mi pare d'aver letto pure qualcosa d'altro, alla stessa ora. Ma dormite, alle sei del mattino.
    Apparte gli scherzi:
    Complimenti per questa bellissima composizione!
  • Donato Delfin8 il 24/02/2010 15:36
    Mappete Cesarone... finite le pile o le pillole...
    Vabbbè va faccio un fioretto e pataponfete... ahì naggia ma dove sei?
    sopratutto non ci vedo niente... oh ben ti dico che sopra al niente c'è il tutto... ma mi dico... mi son spiegato sorattutto

  • Cinzia Gargiulo il 24/02/2010 15:33
    Ah bè queste sei del mattino ultimamente sono parecchio ricorrenti nelle poesie... almeno la tua è ironica e strappa una risata. Bravo Cesare!
  • karen tognini il 24/02/2010 14:26

    E bravo... sisi... troppo forte!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0