PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

M'indicherai la via?

Non saprai mai chi sono
non aprirai mai nessuna cassa.
Mi invaderai gli occhi, e il cuore
sì denso di sentimento
stillerà.

Ritornerò da me
coi miei passi soppesati e mesti
mentre la fronte mi si sbriciolerà piano
piano, passo
vivi
passo
muori

e riaccenderò la luce
e ti rifarò davanti a me
ti chiederò, pregherò
che tu assista le mie stanze.

Riapplicandomi nel vuoto
del mio senso
non troverò una strada,
mi perderò cosciente
tra le mie voci piane.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • denny red. il 25/02/2010 03:00
    tinie che ti devo dire? per me è stupenda!!
  • Anonimo il 24/02/2010 15:49
    rarefatta, sospesa... mi ha affascinato
  • Fuvell Altego il 24/02/2010 15:22
    Bella, con suggestive immagini mentali
  • laura cuppone il 24/02/2010 15:15
    complessa...
    forse é una rassegnazione alla mancanza di vita..
    forse é lei il "soggetto"...

    questo mi ha ispirato leggerla...

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0