accedi   |   crea nuovo account

Africa

Zucchero filato, noccioline, popcorn, giostre, luci, canzoni,
colori, sapori, odori, rumori: tutto sempre uguale, tutto sempre diverso.
Diverso perché la bimba di ieri è la mamma di oggi,
e mentre stringe la mano della sua piccola,
rivede negli occhi di sua figlia la sua stessa felicità di bambina
e ripercorre in un attimo la sua vita felice e serena.

Deserto, malattie, siccità, baracche, guerra, lamenti,
colori, sapori, odori, rumori: tutto sempre uguale, tutto sempre diverso.
Diverso perché le bambine di ieri non ce la fanno a diventare mamme di oggi,
l'aids e la povertà le stroncano nell'infanzia,
e le poche mamme mentre stringono al petto le loro bimbe
vedono negli occhi delle figlie la loro stessa infelicità di bambine.

Si sale, parte la danza, le risate dei bimbi risuonano nell'aria,
le mamme tornano indietro nel tempo e ridono come una volta,
le giostrine sono una macchina del tempo, uniscono l'oggi, l'ieri e il domani,
e per un attimo la felicità forzata del lunapark diventa realtà.

Si muore aspettando medicine e cibo, le risate dei bimbi non riempiono l'aria,
le mamme combattono per loro e per i loro figli,
qui il tempo si è fermato, non è arrivato il progresso, la ricchezza,
e la lotta per la sopravvivenza scandisce l'oggi, l'ieri e il domani.

Il papà si avvicina alle sue donne e dona loro lo zucchero filato,
per compensarle delle fatiche delle giostre,
poi la famiglia serena torna alla sua dimora,
e la bambina già sogna lo stesso per i propri figli.

Il papà è lontano a combattere qualche guerra,
sta lottando per un futuro migliore in cui non crede neanche lui,
il resto della famiglia dorme nella fredda capanna,
e tutta la famiglia sogna un'utopica felicità.

Il mondo porta in sé i due estremi, bianco e nero, e mentre tutto scorre,
l'uomo non è ancora capace di portare ovunque almeno il grigio.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 25/02/2010 07:10
    Dici cose vere... purtroppo... Brava.
  • Anonimo il 24/02/2010 23:41
    Bella conclusione, ma mi piace anche il modo in cui è scritta la poesia!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0