accedi   |   crea nuovo account

Dedicata a te

Lenta si dipanò
la bruma dagli occhi
e all'improvviso il viso
suo, lieve m'apparve.
Rannicchiata in posa
fetale, chiedevi riparo,
così t'abbracciai senza
destarti e nel silenzio
respirai il tuo respiro.
Serrate le ciglia
come ali a riposo,
distese le labbra
come un sorriso,
m'accostai al padiglione
auricolare e lenta,
feci scivolare
la mia preghiera:
Continua a sognare,
i campi fioriti di viole,
la neve disciolta,
e l'odor della primavera
a rinverdirti il cuore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • anna rita pincopallo il 02/03/2010 08:47
    molto bella e dolce.
  • M. Vittoria De Nuccio il 01/03/2010 14:10
    Versi delicatissimi carissimo Fabio... un abbraccio.
  • Anonimo il 27/02/2010 18:15
    È bellissima
  • Dolce Sorriso il 26/02/2010 14:49
    mi piace il tuo scrivere il tuo sentire
    il tuo trasformare le parole in poesia...
    smack
  • Anonimo il 25/02/2010 19:23
    Bellissima dedica, scritta con la mano guidata dal cuore!!
    Sempre dolcissimo Fabio...
  • laura marchetti il 25/02/2010 12:10
    grazie, tanto amore anche a te..
  • Fabio Mancini il 25/02/2010 11:11
    Chi può dire quello che meriti? Io? Tu? Gli altri? Tanto amore nella vita e tanti sogni nei tuoi sonni. Un bacio, Fabio.
  • laura marchetti il 25/02/2010 09:02
    grazie...è una stupenda poesia, ma ho capito bene? merito così tanto? l'ho rubata, rapita e portata dentro ad un mio sogno che oggi è realtà
  • loretta margherita citarei il 25/02/2010 05:18
    molto dolce come poesia, versi delicati, bravo
  • Aedo il 25/02/2010 00:07
    Bellissima poesia: il vero richiamo d'amore è un invito al sogno. Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0