PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dopo la vendemmia

Era un rito, dopo la vendemmia.
Il paese si vestiva a festa di voci, colori, umori, sapori.
Un dolce ed intenso profumo si sprigionava dalle casse di legno
dove gonfi occhieggiavano biondi, bruni e rosati
i grappoli d'uva!
Avide mani bambine staccavano le perle dolci e succose
prima di essere gettate dentro al torchio che impietoso
decretava la loro fine.
Si trasformano in succo goloso che copioso scendeva
schiumoso nel tino, mentre i graspi tremanti restavano
nudi, come piccoli alberi in inverno, mani senza più anelli.
Gote rosse dall'aria e l'ebbrezza di assaporare il picciolo
Il mosto, mischiato con l'acqua del tino.
Era una festa anche se quegli insetti con la forbice
attirati dal dolce, dalle casse di legno sgusciavano in fretta.
Oggi quando verso il vino dal tetrapack risento l'eco di ieri.
Quando per fare il vino non servivano i guanti in lattice
dentro a fabbriche asettiche e asettici sentimenti.
Dopo la vendemmia,
una festa che conservo, come vino pregiato,
dentro al mio cuore.

 

4
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • mariateresa morry il 24/11/2011 12:53
    La poesia è simpatica e i ricordi che suscita, molto piacevoli... tuttavia concediti ogni tanto una vera e buona bottiglia di vino, che ancora se ne trovano... il vino dal cartoccio è veramente " un insulto" a Bacco!!
  • Dora Forino il 24/11/2011 12:48
    Mi hai riportato indietro nel tempo della prima fanciullezza. Era davvero un rito festoso davanti ai filari e alle belle contadinelle, che raccoglievano nelle gerle grappoli d'uva.
  • loretta margherita citarei il 25/02/2010 20:28
    sopratutto non si mettevano additivi e coloranti, bel ricordo brava
  • Piero Simoni il 25/02/2010 19:34
    Un dolce ricordo da rivivere sempre nella memoria. ma i ragazzi di oggi che memorie avranno?
  • Anonimo il 25/02/2010 19:07
    Fabbriche asettiche, che rinchiudono persone asettiche.
    ... Asettici sentimenti...
    Complimenti Laura, bella.
  • Anonimo il 25/02/2010 19:02
    Io ricordo ancora quando facevano il vino pigiando l'uva con i piedi. Ricordi bellissimi oramai archiviati!
  • Auro Lezzi il 25/02/2010 18:28
    Questa donzelletta è la Laura più bella... Un bellissimo momento immortalato troppo bene... Resta così...
  • Paola B. R. il 25/02/2010 18:17
    L'esperienze fatte da piccoli diventono magici ricordi per i loro odori, sapori, vissuti per la prima volta... mi hai fatto ricordare queste stesse situazioni, di trent'anni fa!!!! Ciao e grazie.
  • Anonimo il 25/02/2010 18:13
    Ciao Laura, la tecnologia purtroppo sto eliminando tutte le tradizioni, ormai stiamo diventando industrializzati anche nei sentimenti... bella e vera.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0