accedi   |   crea nuovo account

E pende dal cielo il braccio d'un Cristo morente

Ancor poche foglie
tremuli,
ondeggian lievi
dinanzi a nubi
sconosciute,
travagliate ora,
da un falso vento.

Secchi irridono i rami,
falsamente vivi
anch'essi un tempo.
Giocose non più molto
ormai le vecchie
foglie.
Tristi e maledette,
come puttane in disuso.

E s'odono liete
le musiche di scherno,
e le urla dei ciechi
viandanti.

C'è chi ha preferito
svender se stesso,
chi non ha voluto
aspettare!

... e pende dal cielo
il braccio d'un Cristo
morente.

Gonfie le mani
unte di fango
sangue e pianto,
sudore e vergogna,
mi strappano questi vecchi
solitari e secchi ideali.

... Vedo ora cader
quell'esuli foglie.

Mi osservo morire,
foglia tra le foglie,
esule peccatore
nella valle del pianto,

.. folle
traditore di me stesso

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 27/01/2012 18:17
    Mi piace alla follia ( per restare in tema )! Questo braccio di Cristo che pende dal cielo, così diverso dalla manina salvifica ed iconografica del Dio nei mosaici della mia città, è davvero un gioiello.
  • Emilio Colaci il 01/03/2010 22:51
    hihihihi sembra un manicomio questo sito e noi siamo tutti pazzi... ho forti dubbi se siamo o meno vivi... ma pazzi lo siamo sicuro... hihihihi
  • Anonimo il 01/03/2010 22:47
    Magnifica anche questa tua, bellissima e ben scritta.
    Complimenti, Ciao.
    B. Roses.
  • denny red. il 27/02/2010 00:54
    ben scritta bravo! bella poesia. ciao
  • Anonimo il 26/02/2010 21:06
    Il riconoscere d'essere peccatore è l'inizio del nuovo cammino. Aggrappati al braccio che pende è il segno d'amore. Quante volte mi sono ritrovato nella vita in questa tua poesia, ma quanto amore ho conosciuto per questo peccatore, un amore immenso più forte di ogni suo peccato, esso è la fonte di ogni mia gioia. Bellissima.
  • suzana Kuqi il 26/02/2010 15:33
    Complimenti è una bellissima poesia, non per accarezzare le orecchie ma per far allargare le ferite del pensiero
  • maria caputo il 26/02/2010 12:07
    Parole struggenti, complimenti!
  • Anonimo il 26/02/2010 11:11
    Composizione che io trovo bellissima. Il contenuto è molto crudo ma la roba cruda fa venire i denti aguzzi. Complimenti.
  • laura cuppone il 26/02/2010 10:57
    un momento di stasi... una riflessione come del braccio che cade...
    ascolta tutto senza timore...
    non temere
    questo deve accadere...
    e se sei in grado di sentirlo... questo dolore, questo peccato, allora ne sarai redento.

    piacevolmente sorpresa... ascolto.

    Laura
  • cesare righi il 26/02/2010 10:27
    Notevole, veramente attuale. La fine di tutto quando ti strappano gli ideali, convincendoti che sei tu il... peccatore
    Poesia indovinata, non cambierei nulla
    5st