username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Gennaio traditore

È scesa la sera
dalle scale della città alta
con il freddo a braccetto
ed un pugno di grandine
nella mano che nasconde
da lontano l'eco
di un terremoto
la fine del mondo
in un'isola che in pochi
conoscono davvero
se non per sentito dire
la pioggia sottile
fa compagnia alla mia pena
per chi non ho mai visto
ma che è morto lo stesso
ignaro dei precipizi
che seguono una scossa
movimento indispettito
di un pianeta che si assesta
la sera mi ha raggiunto
finalmente
ceniamo insieme
a lume di candela
è andata via la luce
meglio così
andrò a dormire presto

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • denny red. il 01/03/2010 01:32
    ottima! poesia, emozionante bravo
  • Don Pompeo Mongiello il 28/02/2010 19:46
    Una poesia sentita, che fanno rivivere le immagini dei senza tetti e senza letti e di morti sconosciuti. Piaciuta davvero!
  • Anonimo il 28/02/2010 18:57
    molto bella ed atuale, bravo Salvatore!
  • loretta margherita citarei il 27/02/2010 22:13
    ed adesso aspettano lo tzunami, sembra anche il giappone abbia avuto forti scosse, la terra è sempre in movimento, bella amico caro.
  • Anonimo il 27/02/2010 21:21
    La natura che si ribella, piove, complice la luce che se ne va, Salvatore ha la sua bella cena a lume di candela!!!
    Bella poesia, con un retrogusto di tristezza!!
  • laura marchetti il 27/02/2010 21:18
    sempre GRANDE
  • Maurizio Cortese il 27/02/2010 19:24
    Una Sicilia non da cartolina, ma da squarci aperti nel cuore, da affetti sinceri velati di tristezza e memori della sua grande storia.
  • Anonimo il 27/02/2010 19:14
  • maria caputo il 27/02/2010 16:40
    Bellissima poesia, hai descritto il tuo stato d'animo, per le cose che accadono, nel modo migliore...
  • Ugo Mastrogiovanni il 27/02/2010 15:18
    Visioni, quadri, squarci di vita, che non possono passare inosservati e che Salvatore Ferranti sente come un impegno reale di spiritualità e di apertura alla percezione di una natura che si ribella, ma che ancora lo affascina e lo stimola.
  • Patty Portoghese il 27/02/2010 15:05
    Bravo Sal, una chiusa bellissima, per quest'altro capolavoro.
  • Anonimo il 27/02/2010 12:40
    Bella Salvatore piaciuta molto anche questa tua...
    Ciao, B. Roses.
  • Anonimo il 27/02/2010 12:19
    Bisognerebbe imparare a capire anche quello che non si vede. Piena di fede, la tua poesia, qualsiasi sia il tuo Credo.
    Bella. Un abbraccio.
  • karen tognini il 27/02/2010 09:45
    Salva... mi regali sempre dolci emozioni...
    bravissimo

    un abbraccio
    karen

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0