PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il colore della mia coscienza

Stanchi i miei passi
disegnan la via,
or che la nebbia è bassa
e la notte diviene poesia.

Dietro ai miei sguardi
si dissolve la sera,
nei miei pensieri
si scioglie lenta come cera.

Sale l'odore del bosco,
l'odor del pino,
mentr'io affondo
in un segreto ritornar bambino.
E mi stupisco
di tali profumi,
di tali pensieri
ch'io credevo solo
astratte fantasie di ieri.

Dell'albero delle droghe
il richiamo sentivo,
voleva aiutarmi
a scordar d'essere vivo.
Ne colsi i frutti
dopo essermi coperto il viso,
per non essere dai saggi
facilmente deriso.


Dove il bosco è triste
l'albero della sapienza,
mi chiese quale fosse
il colore della mia coscienza.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • anna rita pincopallo il 02/03/2010 09:21
    Veramente molto toccante e bella. Bravissimo
  • M. Vittoria De Nuccio il 01/03/2010 22:19
    Molto bella... complimenti.
  • Emilio Colaci il 28/02/2010 15:16
    Antonio, non potevo aspettarmi complimento migliore... grazie... onorato... il D'annunzio è tra quei personaggi che non smette di incuriosirmi... e l'opera che hai citato è la mia preferita...
    PS: leggete gli scritti di Antonio Villani ne vale la pena... e per chi non lo sapesse :
    Significato di LISERGICO
    1: acido organico derivato dalla segale cornuta (un suo derivato di sintesi è l'allucinogeno conosciuto come LSD)
    2: estens. Causato da stupefacente; in preda alle allucinazioni della droga
  • Antonio Villani il 28/02/2010 15:04
    che bella, sembra la versione lisergica della "pioggia nel pineto" ... panteistic rock
  • denny red. il 27/02/2010 23:33
    stupenda! poesia bravo emilio
  • Anonimo il 27/02/2010 21:54
    Bellissima, ben scritta, è veramente grande.
  • loretta margherita citarei il 27/02/2010 21:34
    magica, questa poesia è magica, bravo
  • laura cuppone il 27/02/2010 20:23
    bisogna tornare
    alle origini
    da dove siamo partiti
    per comprendere
    e vedere
    il nostro colore...


    quell'odore di pino.. lo conosco...
    stupenda Emilio..
    sono d'accordo con Vincenzo.

    Laura
  • vincent corbo il 27/02/2010 19:10
    Questo sito è pieno di grandi autori: questa poesia è perfetta, calda, ha il colore dell'ambra.