accedi   |   crea nuovo account

Strepito di onde

Strepito di onde


Strepito di onde frantumate
indolente svago di bagliori
osservo intorno a me
se il tramonto scende nei tuoi occhi
in te recitano i torrenti
in loro scruto la mia anima
la tua quiete
comprime le mie ore
diadema di corolle
la testa fiera
splendore errante
tu veleggi con me
con ferite che segnano

se soltanto mi sfiorassi il cuore
suonerebbe come tumulto azzurro
come acque tremanti
come sangue ribelle
indenne agli spasmi del tempo

se solo i tuoi occhi si fermassero
sui miei
come ali leggere su Ninfee
posate in limpidi stagni
colorati dall’azzurro tuo cielo
m’innalzerei come canto
di risorgiva Fenice
in fiamme ondulanti
come sorrisi irrorati
immortalati nei versi divini.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Tony Fontana il 26/08/2007 19:23
    Errore: " ho voluto ripercorrere" oppure, " ho volutamente ripercorso" Tony
  • Tony Fontana il 26/08/2007 19:13
    È Vero è di sapore antico ho volutamente ripercorrerre un modo di scrivere nei primi del 900 quando moltissimi poeti ai più sconosciuti scrivevano poesie che pochi leggevano ma che avevano l'intensità di chi precorreva i tempi architettando nuovi linguaggi uscendo dal cliscè (non ricordo se si scrive così!!) della metrica ortodossa e ferrea!! ciao Tony
  • Claudio Amicucci il 06/07/2007 01:27
    Giusto, ha un sapore antico, ma è l'amore antico?. E allora Tony, continua a deliziarci con i tuoi versi (divini). Permettimi di scherzare, mi piace il tuo modo di scrivere e poetare. Ciao Claudio
  • mariella mulas il 11/04/2007 12:43
    Poeta: il tuo nome è questo
    vero talento fatto uomo.
  • Tiziana Monari il 07/01/2007 15:05
    .. ha un sapore antico... mi piace... titty

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0