PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E rimarranno sogni

E rimarranno sogni.

Com'io a mirar distratto
verdi foglie d'arancio,
ascoltando gli uccelli
e il vento parlare,

e il triste ricordo
che non ha consolazione.


Il canto di primavera ormai
s'è svegliato e rimango
a guardarlo,
rapito da nuovi profumi,

ma pur sempre schiavo
di secche intenzioni.


E guardarti si persa
in un vuoto di vetro,
riflesso d'un mondo
distratto e lontano,

mi scalda il cuore
e ciò che è rimasto
di questa stanca
anima.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 02/03/2010 17:14
    se la primavera non sboccia dentro è quasi superfluo che sbocci fuori, rimane solo un bello spettacolo... l'importante è che quesi sogni pur restando tali, non vadano persi. il sogno può essere un rifugio in cui riposare la tua anima stanca...
  • ANGELA VERARD0 il 02/03/2010 17:03
    profumata, ricca di immagini e colori nel suo messaggio d'amore perduto
  • laura cuppone il 02/03/2010 11:21
    un pensiero
    carezzato dalla primavera
    malinconico e nostalgico
    anche se profuma
    di nuovo...

    bellissima
    Laura
  • Anonimo il 02/03/2010 10:24
    Carina. Fresca, semplice, genuina e spontanea anche se non è un capolavoro è buona. Quattro stelline e un caro saluto.
  • anna rita pincopallo il 02/03/2010 10:21
    bella, bravo