accedi   |   crea nuovo account

L'omo odierno

Già lo pedi
su la luna
pose
ne lo '66,
già ne
la scatola magica
lo si videa
ne lo '54,
et de oggi
mejo nun dicere
co' lo plasma
lo cellulare
et lo internet
lo tempo
più veloce
volar.
Ma 'st'omo odierno,
tecnologicamente avanzato,
noscer non
ancor
se stesso.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • francesca cuccia il 03/03/2010 19:55
    Oggi tutto è rimodernizzato da allora, belle parole, bravo.
  • loretta margherita citarei il 02/03/2010 21:11
    verissimo, bei versi pompeo
  • Anonimo il 02/03/2010 19:43
    Pompeo le tue poesie fanno sempre riflettere, cosi oltre al piacere di leggere lasci un input al pensiero.
  • Ugo Mastrogiovanni il 02/03/2010 17:22
    Sempre molto attuali e mirati i versi di Don Pompeo Mongiello. In "L'uomo odierno" fa un breve, ma completo excursus, sui progressi tecnologici che in pochi anni siamo riusciti a ottenere; ma giustamente e con una certa malinconia si chiede e invita a domandarci: <Topo tante difficili ed encomiabili scoperte, l'uomo è certo di aver scoperto se stesso?>, a noi l'ardua risposta!
  • Anonimo il 02/03/2010 17:19
    Verissimo Don...
  • Anonimo il 02/03/2010 15:15
    E meno che meno oggi. Non siamo stati mai così confusi. Molto bella. Un caro saluto.
  • cesare righi il 02/03/2010 14:53
    Ma st'omo moderno ha ancora la sua magia o Magno Pompeo?
    arrivò poi sulla luna o fu solo altra magia...

    piaciuta
  • Vincenzo Capitanucci il 02/03/2010 14:47
    Quel conoscer Se Stesso... ancor ci sfugge... oh mio Re...

    Bravo Don... cellule al plasma... in rete volano...
  • Anonimo il 02/03/2010 14:43
    A poco pol la tecnologia, evidentemente!
    Carina, piaciuta Don!
    Ciao, B. Roses.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0