username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sventolano la bandiera, gli operai solitari

Dall'alto di babeliche torri d'acciaio e cemento,
simboli consunti del presente/passato,
con rabbia repressa, e delusione,
iniziano la loro protesta,
nella totale indifferenza.

Soli contro tutti! In fondo,
chiedono sicurezza, certezza,
per se e i loro figli, per il loro futuro;
non si può, gridano, vivere senza lavoro,
senza la dignità di esseri liberi.

Protestano, ma anche ascoltano le promesse,
pur già sapendo la vanità delle parole.
Già conoscono lo sviluppo finale,
dell'agire solo per interesse.

Ma alla fine accettano,
fare altro non possono,
che aver fede, sperare,
domani, di ricominciare.

Incomprensibile, per loro questo mondo
per cui tanto hanno lottato, sofferto;
adesso che, di lasciare, è giunto il momento.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Gianmarco Dosselli il 15/06/2010 21:01
    "SOLI CONTRO TUTTI!" Questa è la verità! Le loro battaglie sono inascoltate...
  • Andrea Arvati il 05/03/2010 13:21
    d'altri tempi ormai... purtroppo! bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0