PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il viaggio

Il turbinìo ventoso
Nel suo vagare senza tempo
Ha sorpreso anche te, figlio
Staccandoti
Suo malgrado
Dal fragile ramo dell'esistenza
Ti ha catturato
Dentro il suo vortice caldo e rassicurante
Ti ha condotto fino a noi
Inaspettato dono
Foglia di splendide forme e spiccati colori
Emblema vitale di giovane uomo
Ti ha deposto qui
Offrendoci appena il tempo
Di sincronizzare i nostri battiti
Prima che
Come violenta freccia
Scoccata da mano ignota
Giungesse l'ultima folata di vento
Finale colpo di coda
A riprenderti con Sé
Nella notte calma e ignara
Per continuare il cammino
Lasciando dietro tracce disperate
Mio giovane amico.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • lidia filippi il 12/06/2011 15:52
    Una poesia molto bella e profonda, quasi sofferta. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0