PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inunico

Sono overture
che non inizia.

Sono strumento
muto.

Sono leggio
vecchio.

Sono Metronomo
calmo.

Sono canto
muto.

Sono Arte
Incompresa.

Quindi
sono Arte.

Quindi sono
opera.


Quindi sono
immortale.








Quindi sono
immortale.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ANGELA VERARD0 il 05/03/2010 16:20
    figure statiche che assurgono ad arte fino a diventare immortali... le interpretazioni possono essere certamente molteplici... ma i versi nascondono un più intimo significato che appartiene solo all'autore
  • Ugo Mastrogiovanni il 04/03/2010 09:25
    Anche se trovo apprezzabile l'idea e l'intera composizione, discretamente articolata, mi lascia perplesso non solo il titolo, di cui non conosco il significato, ma anche il filosofeggiante pensiero di tutto il lavoro. Un concento d'immortalità consolante per noi umani, ma decisamente troppo semplicistico. Indovinato l'uso dell'avverbio -quindi-, repetita iuvant. Grave l'errore ortografico "overture", si scrive ouverture.
  • vincent corbo il 03/03/2010 16:39
    Molto interessante; stile asciutto ma con un obiettivo ben preciso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0